Italia markets open in 5 hours 31 minutes
  • Dow Jones

    30.960,00
    -36,98 (-0,12%)
     
  • Nasdaq

    13.635,99
    +92,93 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.606,49
    -215,80 (-0,75%)
     
  • EUR/USD

    1,2148
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    26.717,56
    +61,40 (+0,23%)
     
  • CMC Crypto 200

    656,19
    -20,71 (-3,06%)
     
  • HANG SENG

    29.769,18
    -389,83 (-1,29%)
     
  • S&P 500

    3.855,36
    +13,89 (+0,36%)
     

Iran, un’altra morte eccellente nel giorno del funerale dello scienziato nucleare

Giulia Belardelli
·Giornalista, HuffPost
·2 minuto per la lettura
(Photo: Anadolu Agency via Getty Images)
(Photo: Anadolu Agency via Getty Images)

Nel giorno del funerale dello scienziato nucleare Mohsen Fakhrizadeh, ucciso venerdì scorso in un agguato che secondo le autorità iraniane porta l’impronta di Israele, il network emiratino Al-Arabiya dà la notizia di un’altra morte di peso nella galassia del potere iraniano. Un comandante dei Guardiani della Rivoluzione dell’Iran è stato ucciso da un drone in un attacco vicino al confine tra Siria e Iraq. L’emittente e l’agenzia di stampa Reuters citano fonti irachene, secondo le quali il drone ha preso di mira l’auto sulla quale il comandante viaggiava insieme ad altre persone. Ancora da confermare l’identità del pasdaran, inizialmente indicato con il nome di battaglia Muslim Shahdan.

La notizia – in corso di sviluppo – arriva a poche ore dalla cerimonia funebre con cui l’Iran ha conferito lo status di martire a Fakhrizadeh. Secondo l’agenzia di stampa iraniana Mehr, alla cerimonia hanno partecipato, oltre alla famiglia, esponenti del governo e figure di primo piano della Repubblica islamica, dal capo di Stato maggiore delle Forze armate, generale Mohammad Hossein Bagheri, al capo dell’Organizzazione iraniana per l’energia atomica, Ali Akbar Salehi. Nella processione che ha preceduto la cerimonia funebre, la salma di Fakhrizadeh è stata portata prima ai santuari sciiti di Mashhad e Qom, nell’Iran centrale, e successivamente al mausoleo dell’ayatollah Ruhollah Khomeini (fondatore della Repubblica islamica) a Teheran. Le immagini trasmesse dalla tv di Stato hanno mostrato la bara circondata da fiori e gigantografie dello scienziato, accanto ai ritratti di Qassem Suleimani, il comandante del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche ucciso a gennaio da un attacco di droni statunitensi.

“Come soldato, prometto che nessun assassinio o stupida aggressione resterà senza risposta da parte dell’Iran”, ha promesso il ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.