Italia markets open in 2 hours 44 minutes
  • Dow Jones

    33.745,40
    -55,20 (-0,16%)
     
  • Nasdaq

    13.850,00
    -50,20 (-0,36%)
     
  • Nikkei 225

    29.841,77
    +303,04 (+1,03%)
     
  • EUR/USD

    1,1893
    -0,0024 (-0,20%)
     
  • BTC-EUR

    50.927,75
    +226,18 (+0,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.294,55
    -0,03 (-0,00%)
     
  • HANG SENG

    28.727,53
    +274,25 (+0,96%)
     
  • S&P 500

    4.127,99
    -0,81 (-0,02%)
     

Un'esibizione in cui l'Italia celebra le unioni civili

·2 minuto per la lettura
Achille Lauro e Boss Doms
Achille Lauro e Boss Doms

Achille Lauro è uno dei personaggi più amati di Sanremo 2021. Durante la quarta serata del Festival ha deciso di celebrare le unioni civili, con un quadro davvero unico nel suo genere. Si è vestito da sposa, con una bandiera dell’Italia tra le mani, e ha baciato Boss Doms.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Achille Lauro bacia Boss Doms

Achille Lauro si è esibito in un medley di due delle sue canzoni più famose, ovvero “Me ne frego” e “Rolls Royce“, entrambe portate in gara a Sanremo. A catturare l’attenzione dei telespettatori è stato il grande show della quarta serata, che ha visto tornare sul palco anche il suo chitarrista Boss Doms. Gli elementi che Achille Lauro ha voluto portare in scena nel suo quadro sono stati quattro. L’artista è sceso dalle scale dell’Ariston a braccetto con il suo chitarrista sulle note di una marcia nuziale. Tutti e due erano vestiti di bianco e Boss Doms indossava il classico velo da sposa, con l’inno italiano come colonna sonora. Si è trattato di un riferimento alle unioni civili. L’esibizione è stata anticipata da un monologo con cui il performer ha fatto riferimento a due delle figure celebrate l’anno scorso, San Francesco e Elisabetta Tudor. “Sono il Punk Rock. Icona della scorrettezza. Purezza dell’anticonformismo. Politicamente inadeguato. Cultura giovanile. San Francesco che si spoglia dai beni, Elisabetta Tudor che muore per il popolo. Giovanna D’Arco che va al rogo. Prometeo che ruba il fuoco agli dèi. Sono un bambino con la cresta, Un uomo con le calze a rete, una donna che si lava dal perbenismo e si sporca di libertà. Sono l’estetica del rifiuto, Il rifiuto dell’appartenenza ad ogni ideologia. Sono Morgana che tua madre disapprova. Contro l’omologazione del ‘si è sempre fatto così’. Sono Marilù. Dio benedica chi se ne frega” sono le parole del monologo.

Achille Lauro aveva già baciato il suo chitarrista Boss Doms nella scorsa edizione di Sanremo. Era accaduto quando era in gara con il pezzo “Me ne frego” e aveva provato a lanciare un segnale di grande libertà. Lauro ha continuato sulla stessa riga, cercando di preparare nello stesso modo la sua esperienza al Festival. “Il nostro bacio è stato un messaggio di libertà. Anche due persone che non sono omosessuali possono farlo. Le persone devono essere libere di amare chi vogliono. L’amore se è puro e se è sincero va oltre ogni cosa. Il messaggio era questo, oltre al fatto che era super punk e super outsider” aveva dichiarato, spiegando il motivo di quel bacio. Quest’anno le sue esibizioni stanno incantando i telespettatori. I suoi messaggi arrivano forti e chiari, proprio come è accaduto in questa performance, con un bacio tra lui e il suo chitarrista.