Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.821,55
    +531,47 (+1,60%)
     
  • Nasdaq

    14.125,35
    +94,97 (+0,68%)
     
  • Nikkei 225

    28.010,93
    -953,15 (-3,29%)
     
  • EUR/USD

    1,1922
    +0,0057 (+0,48%)
     
  • BTC-EUR

    27.099,48
    -2.221,54 (-7,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    785,89
    -64,46 (-7,58%)
     
  • HANG SENG

    28.489,00
    -312,27 (-1,08%)
     
  • S&P 500

    4.216,27
    +49,82 (+1,20%)
     

Unicredit ai top da marzo 2020, per analisti Orcel sarà il primo a muoversi sul fronte M&A

·1 minuto per la lettura

Intonazione positiva oggi per Unicredit che segna +0,41% a 10,258 euro. La scorsa settimana il titolo ha segnato oltre +9% e al momento il saldo da inizio anno è di oltre +34%, quinto miglior titolo di tutto il Ftse Mib. Gli investitori continuano a guardare a possibili sviluppi sul fronte M&A dopo che il nuovo ceo Andrea Orcel ha aperto a possibili aggregazioni, purché l'operazione agisca da acceleratore della strategia della banca. Oggi gli analisti di Bloomberg Intelligence rimarcano che a loro avviso il prossimo round di M&A bancario partirà dall'Italia e proprio Unicredit dovrebbe essere la prima a muoversi. Gli analisti sottolineano come gli scenari possibili sono due: rilevare Mps grazie anche all'aumento degli incentivi fiscali da parte del governo, oppure concentrarsi su Banco Bpm. Tra i possibili ostacoli all'operazione Mps c'è anche la posizione del fondo attivista Bluebell, socio di Unicredit, che allo stato attuale vede Mps non un asset su cui investire. Una posizione critica su Mps che potrebbe influenzare non poco l'umore di altri soci dell'istituto di piazza Gae Aulenti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli