Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.294,38
    -285,85 (-1,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8623
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0002
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

UniCredit amplia ricerca di acquirenti fuori dalla Russia - fonti

Il logo Unicredit a Siena

di Giselda Vagnoni e Valentina Za

MILANO (Reuters) - UniCredit ha ampliato la sua ricerca per un acquirente per i suoi asset russi al di là degli investitori locali, mentre intensifica gli sforzi per lasciare il Paese.

Lo hanno riferito due fonti a conoscenza della questione.

UniCredit ha tenuto colloqui con soggetti locali, ma l'escalation delle sanzioni occidentali ha ostacolato questi tentativi, spingendo ad estendere la ricerca in modo da includere Paesi come Cina e India, dove una delle fonti ha detto che gli acquirenti potrebbero essere disposti a un accordo.

La seconda fonte ha affermato che sono in corso discussioni con potenziali investitori ma non ha aggiunto altri dettagli.

L'amministratore delegato di UniCredit Andrea Orcel ha detto agli analisti a maggio che le sanzioni avevano progressivamente ridotto le possibilità di un accordo con un acquirente russo e che "la finestra è diventata piuttosto piccola".

L'uomo d'affari russo Vladimir Potanin, la cui holding Interros ha acquistato da Société Générale la russa Rosbank, a maggio, ha detto all'agenzia di stampa Interfax di aver rifiutato la proposta di comprare anche la divisione locale di UniCredit.

L'istituto di credito italiano sta cercando acquirenti altrove, anche se un accordo con la Russia è ancora possibile, affermano le fonti, che hanno chiesto di rimanere anonime.

Un portavoce di UniCredit non ha commentato.

Gli investitori in Cina, India o Turchia - Paesi che non hanno appoggiato le sanzioni contro la Russia - potrebbero essere interessati ad asset il cui prezzo si è ridotto per l'uscita dal Paese delle imprese occidentali in seguito all'invasione dell'Ucraina.

UniCredit è una delle banche europee con la maggiore esposizione alla Russia, dove gestisce il 14esimo istituto di credito del Paese.

Orcel, ex banchiere d'investimento, ha fatto ricorso ad asset swap per ridurre l'esposizione alla Russia.

Per due volte, ha dichiarato Orcel, UniCredit non è stata in grado di concludere importanti accordi per ridurre l'esposizione perché la sua controparte è stata colpita da sanzioni poco prima della firma.

Questa settimana Orcel ha detto che la Russia non rappresenta più una minaccia per UniCredit, dopo che nel primo trimestre ha effettuato accantonamenti per compensare le future perdite.

UniCredit ha detto che sta valutando tutte le opzioni, compresa l'uscita dalla Russia, avvertendo che l'uscita della banca dal Paese richiederà tempo, dati gli obblighi nei confronti del personale e dei clienti e la volontà di preservare il valore per gli azionisti.

(Tradotto da Alice Schillaci, editing Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli