Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    40.872,86
    +1.165,96 (+2,94%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1925
    -0,0054 (-0,45%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8605
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,1082
    -0,0040 (-0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,5074
    -0,0087 (-0,58%)
     

UniCredit, Andrea Orcel verso la nomina a Ceo al posto di Mustier

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 gen. (askanews) - Si sarebbe sciolto il nodo sul nuovo Ceo di Unicredit: sarà Andrea Orcel a prendere il posto del dimissionario Jean Pierre Mustier, che aveva annunciato il suo passo indietro lo scorso 30 novembre. La banca ufficialmente non commenta ma, secondo quanto si apprende, la quadra sarebbe stata trovata proprio sul banchiere romano, che avrebbe battuto la concorrenza di Fabio Gallia. Una riunione straordinaria del cda potrebbe essere convocata già domani. Le indiscrezioni hanno fatto volare il titolo in Borsa, che ha chiuso con un rialzo del 4,45% a 7,75 euro.

Soprannominato "il Ronaldo dei banchieri", Orcel, classe 1963, è stato fino al 2018 a capo dell'investment banking di Ubs. In precedenza ha lavorato per quasi 20 anni in Merrill Lynch, dove ha guidato le principali operazioni in Europa: in Italia è stato tra gli artefici nel 1998 della nascita di Unicredit, mediante la fusione fra il Credito Italiano e le fondazioni di Verona, Crt, Cassamarca, e ha lavorato all'operazione di acquisizione di Antonveneta da parte di Mps nel 2007. Oggi è in causa (multimilionaria) col Santander, che non lo aveva più assunto nel 2019.

Orcel ora raccoglierà l'eredità di Mustier che aveva annunciato lo scorso fine novembre la sua volontà di non ricandidarsi per un nuovo mandato, anche alla luce dello scontro sulle divergenze strategiche future della banca, a partire da un possibile matrimonio con Mps. Proprio Siena sarà uno dei dossier caldi che Orcel si troverà sul tavolo.