Italia Markets closed

Unicredit: mancano all'appello 2 mld per target Npl, analisti attendono novità nei prossimi giorni

Alessandra Caparello

Sotto l'albero per Unicredit potrebe esserci ancora qualche novità sul fronte crediti in sofferenza. L’annuncio di un accordo con Guber Banca e Barclays Investments Bank e Banca IFIS per la cessione pro-soluto di un portafoglio di crediti in sofferenza costituiti dalla creditoria residua di contratti di leasing. Il portafoglio comprende esclusivamente crediti derivanti da contratti di leasing regolati dal diritto italiano con un valore facciale complessivo - al lordo delle rettifiche - di circa 154 milioni di euro al 30 giugno 2019. L'impatto della cessione verrà recepito nel bilancio del quarto trimestre 2019.

Supponendo che il portafoglio sia contabilizzato in Non-Core, per Mediobanca l’istituto guidato da Jean Pierre Mustier è ancora a circa 2 miliardi di euro di distanza dalla guidance di NPE gross per il 2019 (posta sotto i 9 miliardi di euro dagli 11,2 mld) e si attendono ulteriori dismissioni nei prossimi giorni. Gli analisti confermano rating outperform e target price a 15,90 euro.