Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.363,02
    -153,44 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    34.935,47
    -149,06 (-0,42%)
     
  • Nasdaq

    14.672,68
    -105,59 (-0,71%)
     
  • Nikkei 225

    27.283,59
    -498,83 (-1,80%)
     
  • Petrolio

    73,81
    +0,19 (+0,26%)
     
  • BTC-EUR

    35.172,12
    -187,31 (-0,53%)
     
  • CMC Crypto 200

    955,03
    +5,13 (+0,54%)
     
  • Oro

    1.812,50
    -18,70 (-1,02%)
     
  • EUR/USD

    1,1872
    -0,0024 (-0,20%)
     
  • S&P 500

    4.395,26
    -23,89 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    25.961,03
    -354,29 (-1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.089,30
    -27,47 (-0,67%)
     
  • EUR/GBP

    0,8534
    +0,0018 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0739
    -0,0026 (-0,25%)
     
  • EUR/CAD

    1,4790
    +0,0001 (+0,00%)
     

Unicredit non fa prezzo in Borsa dopo l'addio di Mustier

·Contributor
·1 minuto per la lettura
(Photo: NurPhoto via Getty Images)
(Photo: NurPhoto via Getty Images)

Dopo il ribaltone che ha portato all’uscita (prevista al più tardi per l’aprile 2021) dell’ad Jean Pierre Mustier, Unicredit parte in ribasso a Piazza Affari. Il titolo dell’istituto non riesce a fare prezzo e, a metà mattinata, perde oltre il 6%. Ieri la perdita si aggirava intorno al 5%.

Attualmente l’ex ministro dell’Economia, nel cda della banca nonché presidente designato, Pier Carlo Padoan, insieme a Spencer Stuart sono alla ricerca di un nuovo ad che possa prendere il posto del banchiere francese. Fra i nomi che circolano ci sono quelli dell’ex ad di Mps, Marco Morelli, del consigliere Diego De Giorgi, degli ad di Mediobanca e Banco Bpm, Alberto Nagel e Giuseppe Castagna, e dei manager interni Francesco Giordano e Carlo Vivaldi. C’è anche l’ipotesi di un ritorno di Marina Natale, ora amministratore delegato di Amco ma che è stata top manager della banca: sarebbe la prima donna a guidare una delle principali banche italiane.

In generale, Piazza Affari apre in rialzo con il Ftse Mib che a pochi minuti dall’avvio sale dello 0,16%, fino ad arrivare a mezzo punto percentuale nelle prime battute. Molto bene Monte dei Paschi di Siena che sale del 6%. In rialzo anche il resto del comparto bancario (Intesa San Paolo +1,43%). Per gli energetici, Eni si mette in evidenza (+0,84%). Piatta Nexi, mentre Tim (+1,5%), con le partite attorno alla rete a fare da catalizzatore sul titolo. Misti gli industriali: sale Fca, arretra Prysmian.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli