Italia markets open in 2 hours 6 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    29.385,98
    -277,52 (-0,94%)
     
  • EUR/USD

    1,2026
    -0,0033 (-0,28%)
     
  • BTC-EUR

    40.665,32
    +1.619,84 (+4,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    981,32
    -5,33 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    28.993,09
    -459,48 (-1,56%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

UniCredit, Padoan: con Intesa-Ubi scenario competitivo cambiato, abbiamo voglia di crescere. Mps tra opzioni M&A

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

"Abbiamo voglia di crescere e di creare valore più di prima. Il nostro concorrente dall'altra parte della strada ha fatto un balzo in avanti nelle dimensioni attraverso un'acquisizione e non nego che questo ha modificato lo scenario competitivo. Di sicuro UniCredit dovrà considerare questo aspetto e ritengo che il nuovo Ceo se ne occuperà direttamente". Così l'ex ministro del Tesoro e presidente designato di UniCredit, Pier Carlo Padoan, in un'intervista rilasciata a La Repubblica. Il riferimento del 'concorrente' è a Intesa SanPaolo, che siglato la sua voglia di espansione con la fusione con Ubi Banca. Il ceo è Andrea Orcel, appena scelto da UniCredit, che prenderà le redini di Piazza Gae Aulenti con Padoan a partire dal prossimo 15 aprile. Padoan non esclude che la crescita di UniCredit possa avvenire per linee esterne: "Non escludo nulla. Siamo in una fase di profondo cambiamento e la crescita per linee esterne è uno degli strumenti a disposizione, anche se come è ovvio il cda non approverà nessuna operazione che non sia nell'interesse pieno di tutti i suoi azionisti". Non viene esclusa neanche l'opzione Mps: "Questa ipotesi sarà valutata come tutte le altre, facendo i conti. In passato è stato posto il tema della neutralità del capitale, che è un tema importante perché preserva i risultati del lavoro di rafforzamento svolto negli anni scorsi".