Italia Markets closed

Unicredit, Uilca: unici esuberi sono Mustier e il management

Fgl

Roma, 3 dic. (askanews) - "Crediamo che in realtà gli unici veri esuberi della banca siano il Ceo Jean Pierre Mustier e il management che ha ideato un progetto senza visione industriale e di prosperità e sradica la banca dal tessuto sociale e territoriale in cui opera, con la promessa di enormi dividendi per gli azionisti da conseguire grazie a forti penalizzazioni per le Lavoratrici e i Lavoratori, chiusure di 500 filiali e pesanti ricadute occupazionali". Lo afferma il segretario generale della Uilca Massimo Masi.

"Ribadiamo che non esistono esuberi nel Gruppo UniCredit - sottolinea Masi -, come testimonia il continuo crescente carico di lavoro e di responsabilità di chi oggi è in servizio".

"Già lo scorso luglio avevo dichiarato che mi aspettavo da Mustier la ricostruzione di una banca nuova basata su modelli tradizionali collegati alle nuove realtà del digitale - continua Masi -, invece ancora una volta l'unico metodo per fare utili per gli azionisti sembra essere la riduzione del costo del lavoro. Gli unici a sacrificarsi, secondo logiche miopi di questo management, devono sempre e solo essere le Lavoratrici e i Lavoratori, che ogni giorno, con professionalità e senso di responsabilità, fanno di tutto per rispondere alle esigenze della clientela".

"Siamo pronti a qualsiasi iniziativa di opposizione a questo Piano del Gruppo UniCredit - ribadisce Masi - e non permetteremo che inquini il confronto con Abi per il rinnovo del Contratto Nazionale dei bancari, nel quale come Uilca proponiamo una visione di settore del credito al servizio dello sviluppo economico, di famiglie e imprese, del tutto contraria alle logiche proposte nuovamente dal Ceo Mustier".

"Come per l'Ilva e i casi di crisi aziendali - conclude Masi -, chiediamo una forte presa di posizione da parte del Governo".