Italia markets close in 4 hours 12 minutes
  • FTSE MIB

    24.093,80
    +45,51 (+0,19%)
     
  • Dow Jones

    32.196,66
    +466,36 (+1,47%)
     
  • Nasdaq

    11.805,00
    +434,00 (+3,82%)
     
  • Nikkei 225

    26.547,05
    +119,40 (+0,45%)
     
  • Petrolio

    109,41
    -1,08 (-0,98%)
     
  • BTC-EUR

    28.778,32
    -69,80 (-0,24%)
     
  • CMC Crypto 200

    672,44
    -8,67 (-1,27%)
     
  • Oro

    1.803,00
    -5,20 (-0,29%)
     
  • EUR/USD

    1,0431
    +0,0014 (+0,14%)
     
  • S&P 500

    4.023,89
    +93,81 (+2,39%)
     
  • HANG SENG

    19.950,21
    +51,44 (+0,26%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.682,88
    -20,54 (-0,55%)
     
  • EUR/GBP

    0,8502
    +0,0011 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0472
    +0,0044 (+0,42%)
     
  • EUR/CAD

    1,3472
    +0,0033 (+0,24%)
     

Unimpresa: con il reddito cittadinanza boom del lavoro nero -2-

Roma, 11 nov. (askanews) - Secondo Unimpresa, l'effetto finale della misura sul reddito di cittadinanza andrebbe in netta controtendenza rispetto agli obiettivi perseguiti dal governo: non si creerebbe nuova occupazione, ci sarebbe un boom del lavoro nero e si registrerebbero casi di frode a danno della finanza pubblica. A pesare sul quadro finale, è anche la difficoltà di mettere in atto un piano di controlli a tappeto e sul territorio. Senza dimenticare che non è ancora chiaro come dovranno essere strutturate le agenzie per il lavoro chiamate a offrire opportunità ai percettori del reddito di cittadinanza. In alcune zone del Paese, specie nel Sud, potrebbero verificarsi i casi più numerosi di violazione normativa. Dal sondaggio di Unimpresa fra le oltre 100.000 associate, è emerso che i settori più interessati sono commercio turismo, agricoltura, servizi di manutenzione e di pulizia. Per quanto riguarda i lavoratori, quelli con stipendio fino a 1.000 euro mensili e con contratto part time sono il bacino che guarderebbe con favore a percepire il reddito di cittadinanza pur continuando a lavorare in nero. "Per creare nuova occupazione - commenta il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara - bisogna tagliare il cuneo fiscale e i costi a carico delle aziende, ma ci rendiamo conto che si tratterebbe di interventi poco spendibili sul piano elettorale e non remunerativi in termini di voti. C'è da dire che la misura sul reddito di cittadinanza ha un presupposto importante e condivisibile. Aiutare chi è in difficoltà, prima con un sussidio e poi con l'offerta di lavoro. Ma a noi piace andare a fondo ed essere concreti, valutiamo sempre l'applicabilità e l'attuazione delle nuove leggi, che vanno sempre calate nella realtà italiana. E' evidente che le distorsioni sono facilissime e a portata di mano, meglio dirselo subito".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli