Italia Markets closed

Unimpresa: lotta al contante è patrimoniale nascosta su 1.400 miliardi

Titta Ferraro

Si allunga la platea dei contrari alla lotta al contante e Unimpresa parla di 'patrimoniale nascosta' sui risparmi che gli italiani hanno sui conti correnti. "La lotta al contante allo studio del governo è in realtà una nuova tassa patrimoniale nascosta, potenzialmente capace di colpire 1.402 miliardi di euro depositati dalle famiglie e dalle imprese italiane sui conti correnti. Tra i nuovi controlli antiriciclaggio introdotti la scorsa settimane sui movimenti di denaro in banca e il nuovo balzello sull'uso del denaro contante, è evidente che si va creando un vero e proprio Stato di polizia fiscale". Lo afferma oggi il vicepresidente di Unimpresa, Giuseppe Spadafora, che aggiunge: "Il peso delle tasse sui contribuenti italiani dovrebbe calare drasticamente e, a parole, chiunque è al governo sembra voler perseguire questo obiettivo. Peccato che gli atti formali, ovvero leggi, decreti e circolari ministeriali, vadano tutti nella direzione opposta. Il sistema tributario italiano andrebbe snellito, soprattutto negli adempimenti burocratici, e contemporaneamente andrebbe avviato un percorso serio e credibile volto ad abbattere il carico fiscale".

Secondo i dati del Centro studi di Unimpresa, la tassa sul contante è potenzialmente capace di aggredire l'ammontare complessivo depositato sui conti correnti bancari. In totale, si tratta di 1.402,1 miliardi di euro (dato aggiornato a luglio 2019): 289,5 miliardi sono delle imprese, 1.018,1 miliardi sono delle famiglie, 65,1 miliardi delle aziende familiari, 29,3 miliardi delle onlus.