Italia Markets close in 58 mins

Unimpresa: niente spending review, +42 mld uscite tra 2020 e 2022 -2-

Vis

Roma, 5 ott. (askanews) - Secondo l'analisi, il totale delle uscite si attesterà a 882,5 miliardi nel 2020, a 899,4 miliardi nel 2021 e a 909,4 miliardi nel 2022. Complessivamente, rispetto al 2019, quando il bilancio si è chiuso con uscite pari a 867,2 miliardi, ci sarà un incremento della spesa di 42,1 miliardi (+4,94%). Saliranno le uscite correnti per complessivi 39,3 miliardi (+4,95%) e subirà invece un decremento, creando una sorta di tesoretto, la spesa per il servizio del debito pubblico (interessi passivi) pari a meno 5,1 miliardi (-7,96%). In lieve crescita, invece, la spesa in conto capitale ovvero la voce che riguarda gli investimenti pubblici, specie quelli in infrastrutture e grandi opere: lo Stato spenderà poco e ci sarà un leggero aumento di 2,8 miliardi (+4,82%).

Le uscite correnti saliranno di 39,3 miliardi (+4,95%): dagli 807,8 miliardi del 2019 si arriverà progressivamente agli 847,1 miliardi del 2022. In salita la voce degli stipendi dei dipendenti pubblici: dai 171,9 miliardi del 2019 ai 175,8 miliardi del 2022 con in incremento complessivo, nel quadriennio in esame, di 3,9 miliardi (+2,30%). Quanto alla spesa per forniture e servizi, l'aumento sarà di 5,8 miliardi (+4,09%) da 146,9 miliardi a 142,8 miliardi. Per quanto riguarda il welfare, è prevista una salita della spesa per le pensioni di 28,1 miliardi (+10,43%) e di 5,4 miliardi (+6,77%) per le prestazioni sociali. Salirà anche la spesa sanitaria che nel 2019 si attesterà a quota 118,5 miliardi: nel 2020 arriverà a 120,5 miliardi, nel 2021 a 122,1 miliardi, nel 2022 a 123,6 miliardi per un incremento totale di 5,1 miliardi (+4,45%).