FTSE MIB
21.613,30
+78,78
0,37%
Genera grafico per FTSEMIB.MI
ALL-SHARE
23.043,57
+92,74
0,40%
ITLMS.MI
Ftse 100
6.625,25
+41,08
0,62%
^FTSE
Dax
9.409,71
+91,89
0,99%
^GDAXI
Dow Jones
16.408,54
-16,31
0,10%
^DJI
S&P 500
1.864,85
+2,54
0,14%
^GSPC
Nikkei 225
14.516,27
+98,74
0,68%
^N225
Euro-Dollaro
1,3820
0,0007
0,05%
Genera grafico per EURUSD=X
Euro-Sterlina
0,8232
0,0007
0,09%
EURGBP=X
Euro-Franc...
1,2199
0,0001
0,01%
EURCHF=X
Dollaro-St...
0,5957
0,0002
0,04%
USDGBP=X
Euro-Yen
141,5120
0,064
0,05%
EURJPY=X
Euro-Yuan
8,5994
0,0084
0,10%
EURCNY=X
Euro-Rublo
49,1574
0,0019
0,00%
EURRUB=X
Petrolio gr.
104,59
0,83
0,80%
Genera grafico per CLK14.NYM
Gas naturale
4,74
0,20
+4,53%
NGK14.NYM
Oro
1.294,60
-8,90
0,68%
GCM14.CMX
Argento
19,67
0,01
0,05%
SIN14.CMX
Rame
3,04
0,02
0,51%
HGK14.CMX
Grano
697,50
+2,25
0,32%
WN14.CBT
Mais
499,25
-4,25
0,84%
CN14.CBT
 

Unione Europa, una svolta per superare la crisi?

Uniti per superare la crisi. L’Unione europea avrà un debito e un bilancio comune. La svolta che cambierebbe completamente le istituzioni comunitarie è contenuta nel piano presentato dal presidente della Commissione, José Manuel Barroso. Un progetto che, sicuramente, non piacerà a molti – soprattutto a questi Stati con un debito sovrano sotto controllo, per intenderci Germania in primis – ma che si propone di risolvere il più grande punto debole dell’attuale architettura istituzionale dell’eurozona.

La Commissione europea ha adottato un piano per l’Unione economica e monetaria che ridisegna l’architettura di Eurolandia. Una vera e propria unione monetaria ed economica. La proposta di Barroso ricalca quasi interamente quella già presentata dal presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy - il quale dovrà elaborare un rapporto finale sulla riforma della zona euro in occasione del vertice del 13 e 14 dicembre -, con l’unica differenza che prova a fornire una tempistica delle riforme. Una sorta di scaletta da seguire, punto per punto. Nel breve termine, cioè entro 6-18 mesi, la priorità è applicare le riforme già approvate, sostenere i Paesi che hanno avviato aggiustamenti strutturali e realizzare l’unione bancaria non solo sulla sorveglianza, ma anche con un meccanismo che possa aiutare istituti di credito in difficoltà. Barroso, inoltre, propone che dopo l’approvazione del bilancio di lungo periodo Ue - definito cruciale perché “la posta in gioco è la stabilità e la prosperità dell'Europa” - venga istituito un bilancio per la competitività per sostenere le riforme che generano crescita. Nel medio termine, 18 mesi-5 anni, secondo Barroso l’Europa sarà pronta a gestire un budget unico per l’Eurozona che possa intervenire nelle emergenze finanziarie di uno dei Paesi membri.

Il piano di Bruxelles, in buona sostanza, prova a dare un futuro all’Unione che nel frattempo deve fare i conti con la crisi greca. “Ci sono ora tutte le condizioni per versare alla Grecia i 43,7 miliardi di euro di aiuti che aspetta”, si legge in un comunicato dell’Eurogruppo, “ma la decisione formale sul versamento sarà presa il 13 dicembre, dopo che i parlamenti nazionali, tra cui quello tedesco, si saranno pronunciati e dopo che ci sarà stata una valutazione di una possibile operazione di buyback che la Grecia deve avviare”. E il presidente del Consiglio greco, Antonis Samaras, dà il benvenuto all’accordo Ue-Fmi sul debito ellenico.

Con un bilancio unico, in futuro, situazioni di grave crisi come quella greca, dovrebbero essere scongiurate. Il progetto, in questo senso, è particolarmente innovativo sul punto finora più controverso della gestione della crisi: la condivisione del debito. La battaglia sugli eurobond, da sempre rivendicati dalla Commissione, viene rafforzata dalla presentazione di un percorso graduale verso quella che in Germania verrebbe subito bollata come “unione del debito”. L’emissione di obbligazioni coperte dalla responsabilità dell’intero Eurozona rappresenta ancora oggi un tabu che difficilmente si potrà superare, soprattutto perché non si concilia con la politica del rigore sin qui adottata e fortemente sponsorizzata da Germania e Paesi del Nord Europa.

Il documento della Commissione, comunque, rappresenta un chiaro progetto di integrazione europea che, nel caso venisse adottato, cambierebbe radicalmente la struttura dell’Unione. Il piano di Barroso costituisce una ricetta anticrisi per tutta l’unione monetaria. Le istituzioni europee, inutile negarlo, non funzionano come dovrebbero e occorrerebbe anche rivedere il ruolo della Banca centrale europea. La vera risposta ai quesiti posti da Barroso si avrà solo il 22 settembre del prossimo anno, quando la Germania andrà al voto. Solo dopo questa data si potrà capire meglio le intenzioni tedesche riguardo al debito condiviso europeo e al futuro dell’Europa.


Discesa da 3 a 5 barre
Qui di seguito tratteremo un pattern elaborato da Oliver Velez e Frank Capra, autori di Master Trader, che reputo uno tra i migliori libri tradotti in italiano sulle tecniche di trading...
Come usare la
Andrews' Pitchfork

La Andrews’ Pitchfork prende
il nome dal suo ideatore, Alan Andrews che ha messo a punto questo strumento per identificare
gli obiettivi di prezzo e calcolare
la velocità con la quale tali obiettivi possono essere raggiunti...
Un setup completo di ingresso con la Barra di Esaurimento
Uno dei miei pattern preferiti
di inversione è senz’altro quella
che definisco come “Barra di Esaurimento” che per brevità
d’ora innanzi indicheremo con
la sigla “BE”...


UNA PAROLA AL GIORNO


Rialzista
Sai che cosa si indica con questo termine nel linguaggio finanziario e borsistico? Scoprilo subito!


Le ultime notizie

  • Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare
    Fiscal Cliff, corsa contro il tempo Yahoo! Finanza - ven 28 dic 2012 18:35 CET

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa … Continua »Fiscal Cliff, corsa contro il tempo

    Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa sempre più minaccioso anche perché, ad oggi, il presidente Barack Obama e il Congresso (a maggioranza repubblicana) non hanno trovato nessun accordo.

  • Barack Obama torna alla Casa Bianca
    Stati Uniti, minaccia fiscal cliff Yahoo! Finanza - ven 21 dic 2012 14:42 CET

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti … Continua »Stati Uniti, minaccia fiscal cliff

    Barack Obama torna alla Casa Bianca

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti necessari. Il “piano B” di Boehner prevedeva un aumento delle tasse solo per chi guadagna oltre un milione di dollari.

  • Europa, ora il debito tedesco fa paura Yahoo! Finanza - mer 19 dic 2012 16:26 CET

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della … Continua »Europa, ora il debito tedesco fa paura

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della spesa previdenziale e sanitaria di uno Stato sempre più vecchio. Il Rischio è che il debito non scenderà sotto il 60% del Pil prima del 2030. Uno smacco …

  • La mossa di Mario Draghi
    Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT Yahoo! Finanza - ven 14 dic 2012 14:52 CET

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore … Continua »Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT

    La mossa di Mario Draghi

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore della Banca Centrale Europea.

  • Che Mario Monti non sia Lohengrin?
    Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare … Yahoo! Finanza - mer 12 dic 2012 17:04 CET

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che … Continua »Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare …

    Che Mario Monti non sia Lohengrin?

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che aveva già avviato, come quella del riordino delle Provincie o la delega fiscale.