Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.852,99
    -1.245,84 (-4,60%)
     
  • Dow Jones

    34.899,34
    -905,04 (-2,53%)
     
  • Nasdaq

    15.491,66
    -353,57 (-2,23%)
     
  • Nikkei 225

    28.751,62
    -747,66 (-2,53%)
     
  • Petrolio

    68,15
    -10,24 (-13,06%)
     
  • BTC-EUR

    47.362,47
    -5.016,02 (-9,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.365,60
    -89,82 (-6,17%)
     
  • Oro

    1.785,50
    +1,20 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,1320
    +0,0108 (+0,96%)
     
  • S&P 500

    4.594,62
    -106,84 (-2,27%)
     
  • HANG SENG

    24.080,52
    -659,64 (-2,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.089,58
    -203,66 (-4,74%)
     
  • EUR/GBP

    0,8488
    +0,0076 (+0,91%)
     
  • EUR/CHF

    1,0440
    -0,0043 (-0,41%)
     
  • EUR/CAD

    1,4471
    +0,0296 (+2,09%)
     

US: via libera della Camera al piano infrastrutturale. Buzzi, Webuild, Prysmian tra i titoli più esposti

·1 minuto per la lettura

Via libera della Camera americana al piano infrastrutturale da 973 miliardi di dollari in 5 anni o 1.200 miliardi in caso il piano venga protratto fino all’ottavo anno. Il piano era stato approvato ad agosto dal Senato e passa ora alla firma del Presidente Biden per diventare effettivo. Il piano prevede il rinnovo degli attuali investimenti federali nelle infrastrutture a cui si aggiungono nuovi investimenti per 579 miliardi di dollari in 5 anni principalmente destinati a ponti e strade, trasporto pubblico, rete ferroviaria e rete broadband ed energetica. Considerando le tempistiche tecniche per l’individuazione dei progetti da finanziare, l’assegnazione degli stessi e l'avvio dei lavori, Equita ritiene che i primi impatti rilevanti dal piano infrastrutturale US si avranno a partire dal 2023. Secondo gli analisti della Sim, i titoli più esposti al piano infrastrutturale in US sono nel settore building materials, Buzzi Unicem che in US genera il 57% dell'EBITDA (2020), visto come principale beneficiario del piano e Cementir che realizza l'8% dell`EBITDA. Tra gli altri titoli gli analisti della Sim milanese segnalano Webuild, Prysmian e CNH Industrial la cui divisione construction equipment genera in nord America meno del 5% del fatturato di gruppo e infine Interpump ed Enel.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli