Italia Markets closed

Usa-Cina: Zte salva in cambio della rimozione dei dazi sulla soia

A24/Pau

New York, 14 mag. (askanews) - Stati Uniti e Cina provano a trovare un accordo per evitare, almeno in parte uno scontro commerciale: Washington sarebbe pronta a perdonare ZTE per aver violato le sanzioni Usa sull'Iran e sulla Corea del Nord, in cambio dell'eliminazione dei dazi da parte di Pechino sui prodotti agricoli americani. Lo scrive il Wall Street Journal, secondo cui l'accordo comprenderebbe anche una nuova valutazione da parte dell'antitrust cinese dell'acquisizione dell'olandese NXP dall'americana Qualcomm.

La possibile apertura nei confronti di ZTE (che produce telefonini e ha sede a Shanghai) arriva dopo i tweet di ieri di del presidente americano Donald Trump: sta lavorando con il presidente cinese Xi Jinping per trovare il modo con cui permettere a ZTE di "tornare a fare business velocemente. Troppi posti di lavoro in Cina sono stati persi".

Ad aprile gli Stati Uniti hanno vietato a ZTE di acquistare componenti prodotte da aziende americane come punizione per una violazione dell'embargo americano su Iran e Corea del Nord: ZTE infatti ha continuato a vendere i dispositivi nei due paesi nonostante si fosse impegnata a non farlo, così mentendo agli Usa. Nei giorni scorsi ZTE ha detto di aver violato le sanzioni Usa ma di averlo fatto per errore.