Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.751,32
    -63,07 (-0,18%)
     
  • Nasdaq

    15.181,92
    +20,39 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    30.323,34
    -188,37 (-0,62%)
     
  • EUR/USD

    1,1770
    -0,0056 (-0,47%)
     
  • BTC-EUR

    40.419,12
    -876,96 (-2,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.209,85
    -23,43 (-1,90%)
     
  • HANG SENG

    24.667,85
    -365,36 (-1,46%)
     
  • S&P 500

    4.473,75
    -6,95 (-0,16%)
     

Usa, cinque sfide per il capo della Fed nei prossimi 4 anni

·6 minuto per la lettura
L'edificio della Federal Reserve a Washington

(Reuters) - La decisione imminente del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di riconfermare Jerome Powell a capo della Federal Reserve dopo la scadenza del suo mandato a febbraio, o di passare le redini a qualcun altro, arriverà in un momento critico per la banca centrale.

I democratici progressisti vogliono che la Fed assuma un ruolo più espansivo nell'economia, aumentando gli sforzi per sostenere l'occupazione, allontanando il rischio climatico e affrontando le disuguaglianze. I conservatori vogliono che si attenga alle decisioni di politica monetaria, presti più attenzione a contenere l'inflazione e riduca la sua influenza sui mercati finanziari e sulla supervisione.

A prescindere dalla scelta del presidente democratico, il prossimo capo della Fed dovrà affrontare importanti questioni sulla politica monetaria e sulla natura del denaro.

Ecco alcune delle maggiori sfide nei prossimi quattro anni:

LA GIUSTA POLITICA MONETARIA

A seguito della pandemia di coronavirus, la Fed ha ridotto il tasso d'interesse overnight di riferimento quasi a zero e ha acquistato miliardi di dollari di Treasuries e titoli garantiti da ipoteca.

Con l'economia in rapida ripresa, la banca centrale comincerà probabilmente a ridurre gli acquisti di asset verso la fine di quest'anno.

Ma secondo un nuovo schema adottato lo scorso agosto, si aspetterà ad alzare i tassi di interesse fino a quando l'economia non raggiungerà la piena occupazione, e l'inflazione sarà al 2% e sulla buona strada per superare moderatamente quel livello.

È una promessa che il nuovo presidente della Fed potrebbe avere difficoltà a mantenere. La maggior parte dei governatori Fed crede che l'attuale impennata dell'inflazione sopra il 2% sia temporanea. Ma se il rialzo dei prezzi si dimostrerà duraturo, chiunque dirigerà la banca centrale potrebbe finire per assistere a un'impennata dei tassi prima che tutti gli aspiranti lavoratori possano trovare un impiego.

Ci sono 5,7 milioni di americani occupati in meno oggi rispetto a prima della pandemia.

"Ci sono un sacco di cose che saranno diverse in futuro, che sono davvero aspetti strutturali di base dell'economia a cui penso dovremo prestare molta attenzione per essere sicuri di calibrare in modo appropriato la nostra politica economica", ha detto il presidente della Fed di Cleveland Loretta Mester in un'intervista ad agosto.

Se il nuovo quadro della Fed la porterà a mantenere una politica monetaria espansiva più a lungo per rafforzare il mercato del lavoro, secondo gli analisti potrebbe essere necessario irrigidire i regolamenti finanziari per evitare comportamenti rischiosi che potrebbero provocare una crisi.

"La regolamentazione finanziaria, a mio parere, è la seconda cosa in agenda, e soprattutto continuare a trattare la questione del contenimento del rischio finanziario in un ambiente di tassi di interesse storicamente bassi", ha detto David Wilcox, ex economista di punta della Fed e attualmente senior fellow al Peterson Institute for International Economics.

Chiunque guiderà la Fed dovrà anche guardare alla stabilità finanziaria più in generale, ha detto Wilcox.

Le debolezze sistemiche nel modo in cui i Treasuries e i mercati monetari sono scambiati sono state messe a nudo lo scorso marzo dal quasi collasso dei mercati finanziari dopo le chiusure per la pandemia.

Anche la crescente popolarità degli "stablecoin", una forma largamente non regolamentata di criptovaluta che può essere ancorata al dollaro, pone una minaccia alla stabilità finanziaria, secondo il presidente della Fed di Boston Eric Rosengren.

VERSO IL DIGITALE?

Una delle questioni principali sarà se la Fed deciderà di emettere una propria valuta digitale. Powell finora non si è mostrato deciso. Il governatore della Fed Lael Brainard, l'altro candidato principale per l'incarico al vertice della banca centrale degli Stati Uniti, ha detto che sarebbe difficile immaginare di non farlo. La Fed prevede di pubblicare un documento di discussione sull'argomento a settembre.

I sostenitori dicono che una moneta digitale ben progettata potrebbe abbassare i costi di transazione e aumentare l'accesso al sistema bancario per chi è svantaggiato. Altri si preoccupano che le banche potrebbero essere messe da parte se le famiglie e le imprese statunitensi rinunciassero ai normali conti correnti e si rivolgessero direttamente alla Fed.

La Cina e altri Paesi stanno già emettendo le loro valute digitali, così come aziende private come Amazon. Se ampiamente adottati, tali token potrebbero frammentare il sistema dei pagamenti, minacciare la capacità della Fed di controllare i tassi di interesse e mettere in pericolo il dominio globale del dollaro.

"La Federal Reserve deve decidere in fretta", ha detto Andrew Levin, professore di Economia al Dartmouth College. "Questa è una sfida che può risolversi entro il prossimo anno o due".

RISCHI CLIMATICI

Il capo della Fed sarà anche sotto pressione per capire e affrontare le implicazioni economiche e del mercato finanziario di incendi incontrollati, uragani potentissimi e altri impatti devastanti dovuti al cambiamento climatico.

Sia Powell che Brainard dicono che è compito della Fed assicurare che le banche siano resistenti, per esempio, ai cali di valore degli asset dovuti a eventi meteorologici estremi o ai decreti governativi per limitare le emissioni di CO2.

Ma il mandato della Fed non include alcun incarico per combattere direttamente il cambiamento climatico, come nel caso di alcune altre banche centrali.

La Fed ha creato due panel interni l'anno scorso, uno focalizzato sui rischi legati al clima per le singole banche e l'altro sulle minacce a livello di sistema. Inoltre è diventata l'ultima grande banca centrale ad aderire al Network for Greening the Financial System, che fornisce raccomandazioni per le banche centrali per rispondere al cambiamento climatico.

Entrambi potrebbero essere veicoli che consentirebbero al capo della Fed per fare di più sul fronte climatico, anche se una posizione più aggressiva alla pari con altre banche centrali potrebbe rivelarsi difficile senza una nuova normativa.

DIVARI RAZZIALI E DI GENERE

I funzionari della Fed hanno cominciato a parlare più apertamente del possibile effetto delle disuguaglianze razziali e di genere sulla crescita economica.

Il senatore repubblicano Pat Toomey lo chiama "mission creep". Ma molti progressisti accusano il programma di acquisto di bond della Fed di riempire le tasche dei ricchi aumentando i prezzi delle azioni.

"Questo sta causando molta inquietudine su ciò che la Fed sta facendo per affrontare alcuni dei grandi problemi dei nostri giorni, che includono la disuguaglianza e le disparità nei risultati del mercato del lavoro e nella distribuzione della ricchezza", ha detto Julia Coronado, ex economista della Fed che ora è presidente di MacroPolicy Perspectives.

Chiunque guidi la Fed potrebbe mettere utilizzare gli strumenti a sua disposizione per ridurre potenzialmente alcune di queste lacune, anche attraverso programmi destinati ad aumentare i prestiti alle piccole imprese e modifiche nella vigilanza che incoraggino le banche a lavorare con i consumatori che hanno difficoltà a ripagare i loro prestiti, ha detto Coronado.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli