Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.064,52
    -684,66 (-1,19%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Usa, crescita economica trim4 supera aspettative

Shopping durante le festività natalizie a New York

WASHINGTON (Reuters) - L'economia statunitense è cresciuta più rapidamente del previsto nel quarto trimestre, grazie alla forte spesa dei consumatori, evitando le previsioni di una recessione nel 2023 dopo l'aggressivo rialzo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve, con una crescita per l'intero anno del 2,5%.

Il prodotto interno lordo dell'ultimo trimestre è aumentato a un tasso annualizzato del 3,3%, ha detto il dipartimento del Commercio nella stima anticipata del Pil del quarto trimestre.

Nel terzo trimestre l'economia è cresciuta a un ritmo del 4,9%. Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un aumento del Pil del 2,0%. Le stime variavano da un tasso dello 0,8% a un ritmo del 2,8%. L'economia si sta espandendo a un ritmo superiore a quello che la Fed considera il tasso di crescita non inflazionistico di circa l'1,8%.

L'anno scorso la crescita è accelerata dall'1,9% del 2022. L'economia ha sorpreso chi aveva previsto una flessione a partire dalla metà del 2022. Il vigore dell'economia riflette in parte la tenuta del mercato del lavoro, caratterizzato da bassi licenziamenti e forti aumenti salariali, che stanno sostenendo la spesa dei consumatori.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Stefano Bernabei)