Italia Markets close in 5 hrs 29 mins
  • FTSE MIB

    27.061,40
    -508,60 (-1,84%)
     
  • Dow Jones

    34.265,37
    -450,03 (-1,30%)
     
  • Nasdaq

    13.768,92
    -385,08 (-2,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.522,26
    -250,64 (-0,90%)
     
  • Petrolio

    0 (0)
     
  • BTC-EUR

    29.611,27
    -2.274,66 (-7,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    764,63
    +521,95 (+215,08%)
     
  • Oro

    1.836,10
    -6,50 (-0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,1348
    +0,0031 (+0,2724%)
     
  • S&P 500

    4.397,94
    -84,79 (-1,89%)
     
  • HANG SENG

    24.965,55
    +13,25 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.229,56
    -70,05 (-1,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,8370
    +0,0053 (+0,64%)
     
  • EUR/CHF

    1,0341
    -0,0033 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,4273
    +0,0133 (+0,94%)
     

Usa, crescita occupazione sotto attese, tasso disoccupazione cala a 3,9%

·2 minuto per la lettura

WASHINGTON (Reuters) - L'occupazione negli Stati Uniti è cresciuta meno del previsto a dicembre a causa della carenza di personale e le assunzioni potrebbero restare moderate nel breve termine alla luce delle difficoltà causate all'attività economica dal numero crescente infezioni da Covid-19.

Gli occupati non agricoli sono aumentati di 199.000 posti di lavoro a dicembre, secondo i dati forniti dal Dipartimento del Lavoro. I dati di novembre sono stati rivisti al rialzo, con un incremento degli occupati di 249.000 unità contro le 210.000 unità riportate in precedenza.

Il tasso di disoccupazione è calato al 3,9% dal 4,2% a novembre, evidenziando una contrazione delle condizioni del mercato del lavoro.

Gli economisti interpellati da Reuters avevano stimato un aumento degli occupati pari a 400.000 unità e un calo del tasso di disoccupazione al 4,1%. Le stime sugli occupati oscillavano tra 150.000 e 1,1 milioni di posti di lavoro. Per inciso, il governo ha rivisto per gli ultimi cinque anni i dati di rilevazione delle famiglie, che contribuiscono alla formulazione del tasso di disoccupazione.

Tuttavia, il report sull'occupazione mostra un'economica in rialzo a fine 2021, anche se la situazione sanitaria non è migliorata come nelle previsioni.

L'aumento sotto le attese dei posti di lavoro a dicembre riflette probabilmente la carenza di personale, oltre ad anomalie come la cosiddetta rettifica stagionale, usata dal governo per eliminare oscillazioni periodiche.

Il governo statunitense ha comunicato ieri che a fine novembre sono state rilevate 10,6 milioni di offerte di lavoro.

Le interviste a imprese e famiglie per il report sull'occupazione risalgono a metà dicembre, quando la variante Omicron ha iniziato a diffondersi nel paese.

L'impatto di Omicron sugli occupati probabilmente sarà visibile a gennaio.

Gli Stati Uniti hanno toccato lunedì quasi 1 milione di nuove infezioni da coronavirus, il bilancio giornaliero più alto mai registrato da qualsiasi nazione del mondo.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Milano Claudia Cristoferi, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli