Italia Markets close in 1 hr 33 mins

Usa, Fed prevede 4 strette contro le 3 annunciate in precedenza

A24/Pau

New York, 13 giu. (askanews) - La Federal Reserve ha alzato il costo del denaro all'1,75-2% ed è il secondo aumento del 2018, dopo i tre del 2017: quest'anno potrebbe proseguire con altri due rialzi, rispetto ai tre complessivi per il 2018 previsti in precedenza. Lo si legge nelle tabelle allegate al documento finale del Fomc, il braccio di politica monetaria della banca centrale Usa. Nel 2019 invece si prevedono tre rialzi (contro i due previsti a marzo) e nel 2020 solo una volta, contro le due di marzo.

Nel 2016 la Fed aveva alzato i tassi d'interesse solo una volta, anche se nel dicembre 2015, mese in cui li aveva alzati per la prima volta dal giugno 2006, aveva parlato di quattro volte nel 2016, cosa che poi non è avvenuta.

La Fed prevede che i tassi avranno un valore mediano del 2,4% entro la fine del 2018 (contro il 2,1% di marzo), per poi crescere al 3,1% a fine 2019 (contro il 2,9% stimato in precedenza). E aumenteranno al 3,4% a fine 2020. La "central tendency", quella che esclude le tre proiezioni più alte e le tre più basse, prevede tassi tra il 2,1% e il 2,4% nel 2018, tra il 2,9% e il 3,4% nel 2019 e tra il 3,1% e il 3,6% nel 2020.