Italia markets close in 8 hours 2 minutes
  • FTSE MIB

    27.494,24
    -194,32 (-0,70%)
     
  • Dow Jones

    35.911,81
    -201,79 (-0,56%)
     
  • Nasdaq

    14.893,75
    +86,95 (+0,59%)
     
  • Nikkei 225

    28.257,25
    -76,27 (-0,27%)
     
  • Petrolio

    85,32
    +1,50 (+1,79%)
     
  • BTC-EUR

    36.717,32
    -958,43 (-2,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.003,50
    -22,23 (-2,17%)
     
  • Oro

    1.816,20
    -0,30 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    1,1406
    -0,0004 (-0,03%)
     
  • S&P 500

    4.662,85
    +3,82 (+0,08%)
     
  • HANG SENG

    24.112,78
    -105,25 (-0,43%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.266,86
    -35,28 (-0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8355
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CHF

    1,0426
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4263
    -0,0015 (-0,11%)
     

USA: focus sui verbali della Fed

·2 minuto per la lettura

I principali indici azionari a livello globale continuano a mostrare segnali di forza. Parallelamente l’asset class obbligazionaria rimane debole. Il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è salito in prossimità dell’1,67%. Sullo sfondo rimangono le preoccupazioni per la diffusione della variante Omicron. Negli Stati Uniti i nuovi casi hanno raggiunto quota 1 milione. Gli investitori ora valutano gli impatti delle restrizioni sulla ripresa delle economie. Per quanto riguarda il fronte macroeconomico, il tasso di disoccupazione in Germania si è attestato al 5,2% a dicembre, meglio del 5,3% atteso dagli analisti (a novembre il dato era risultato pari al 5,3%). Le vendite al dettaglio sono salite dello 0,6% su base mensile e diminuite del 2,9% su base annuale a novembre. Per gli Stati Uniti l’indice ISM manifatturiero di dicembre ha deluso le stime degli analisti, attestandosi a 58,7 (attese a 60) mentre i posti vacanti (JOLTS) hanno registrato un andamento inferiore rispetto alle attese: 10,56 milioni di unità il dato effettivo contro le stime a 11,06 milioni. Gli operatori dei mercati finanziari ora si aspettano che l’inasprimento della Federal Reserve possa aumentare i rendimenti e ripristinare le valutazioni azionarie. I dati del mercato del lavoro di dicembre degli Stati Uniti in agenda questo venerdì e i verbali della riunione della Fed del mese scorso potrebbero far luce su alcuni dettagli circa il ritmo delle azioni della Banca centrale. Fronte materie prime, l’OPEC+ ha dichiarato che aumenterà la produzione di altri 400.000 barili al giorno a febbraio. Il Cartello ritiene che Omicron non avrà il tipo di effetto devastante sulla domanda come le precedenti varianti di Covid-19.

Focus su occupazione ADP e minute Fed

Nella giornata odierna gli operatori dei mercati finanziari saranno focalizzati sul alcuni dati macroeconomici importati per le principali economie del Vecchio Continente e per gli Stati Uniti. Durante la mattinata si attendono gli indici IHS Markit PMI dei servizi e composito per Italia, Francia, Germania ed Eurozona di dicembre. Per il Belpaese si attende anche il dato dell’inflazione (dicembre). Per gli Stati Uniti focus sull’occupazione ADP, sulle scorte e produzione di greggio, sul PMI dei servizi e composito e infine sulla pubblicazione dei verbali dell’ultima riunione della Federal Reserve.

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli