Italia markets open in 8 hours 22 minutes
  • Dow Jones

    34.742,82
    -34,94 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.401,86
    -350,38 (-2,55%)
     
  • Nikkei 225

    29.518,34
    +160,52 (+0,55%)
     
  • EUR/USD

    1,2142
    -0,0027 (-0,22%)
     
  • BTC-EUR

    45.803,81
    -2.431,79 (-5,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.484,90
    -76,40 (-4,89%)
     
  • HANG SENG

    28.595,66
    -14,99 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    4.188,43
    -44,17 (-1,04%)
     

Usa, fornitore Stellantis chiede ordine tribunale per ottenere chip per impianto Detroit

·1 minuto per la lettura
Logo Stellantis all'ingresso dello stabilimento di Mirafiori

(Reuters) - Un giudice federale nel Michigan ascolterà oggi le argomentazioni e deciderà se emettere un ordine d'emergenza che costringa NXP Semiconductors a fornire microchip a un fornitore di Stellantis.

Il fornitore, Jvis-Usa, sostiene che se non ricevesse i chip ordinati, ci sarebbe un "blocco imminente" dello stabilimento di Stellantis a Detroit, dove vengono prodotte le Jeep Grand Cherokee.

Nxp ha replicato di non avere nessuna relazione contrattuale diretta con Jvis-Usa che la obblighi a inviare i chip.

Jvis-Usa è il fornitore degli assemblaggi elettronici che aiutano a controllare i sistemi di riscaldamento, raffreddamento e ventilazione sulle Jeep Grand Cherokee, Dodge Challenger e Charger, oltre che per la Chrysler 300.

Jvis non acquista direttamente i chip da Nxp, ma li ottiene tramite una catena di fornitori e distributori.

Tuttavia l'azienda sostiene che Nxp abbia creato un contratto sulla parola nel corso di una chiamata Zoom tenutasi tra Jvs, Nxp, un distributore di chip e un fornitore di circuiti.

Nxp respinge questa tesi, sostenendo che la chiamata fosse per un aggiornamento standard da parte di un distributore.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)