Usa, governo fa causa a Standard & Poor's per frode

Washington (Usa), 5 feb. (LaPresse/AP) - Il governo degli Stati Uniti ha fatto causa all'agenzia di rating Standard & Poor's per frode, per avere fatto valutazioni troppo alte su titoli legati a mutui ipotecari, alla base della crisi del 2008. Nei documenti presentati oggi, il governo Usa afferma che S&P sviò gli investitori dichiarando che i rating emessi fossero oggettivi e "non influenzati da alcun conflitto di interessi". Il desiderio di S&P di fare soldi e di guadagnare quote di mercato, prosegue il governo, spinse la compagnia a ignorare i rischi posti dagli investimenti fatti fra il settembre 2004 e l'ottobre 2007. La frode ipotizzata da Washington rese possibile vendere gli investimenti alle banche, il che diffuse la crisi. Il governo ha fatto le sue accuse a S&P ai sensi di una legge che si stabilisce che le banche debbano investire in modo sicuro. S&P nega ogni accusa.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.331,21 +2,47% 15:02 CEST
Eurostoxx 50 3.125,17 +1,09% 14:48 CEST
Ftse 100 6.570,83 0,45% 14:48 CEST
Dax 9.267,14 +1,02% 14:48 CEST
Dow Jones 16.262,56 15 apr 22:34 CEST
Nikkei 225 14.417,68 +3,01% 08:00 CEST

Ultime notizie dai mercati