Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,55 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,38 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,27 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,65 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    91,88
    -2,46 (-2,61%)
     
  • BTC-EUR

    23.878,45
    +362,87 (+1,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,64
    +3,36 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.818,90
    +11,70 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0257
    -0,0068 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,19 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8457
    -0,0001 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9656
    -0,0058 (-0,60%)
     
  • EUR/CAD

    1,3100
    -0,0071 (-0,54%)
     

Usa, nuova testimone accusa Trump su Capitol Hill. Lui: tutto falso

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 giu. (askanews) - L'assalto a Capitol Hill del gennaio 2021 torna in primo piano sui media statunitensi, dopo la testimonianza di una ex assistente al capo del personale della Casa Bianca sotto l'era Trump, Cassidy Hutchinson. Secondo la Hutchinson Trump avrebbe saputo che alcuni dei dimostranti erano armati ma avrebbe comunque incoraggiato i manifetanti a marciare verso il Campidoglio.

I fatti si verificarono il 6 gennaio 2021, nelle lunghe proteste e contestazioni sulla validità del voto alle presidenziali, che dopo alcuni riconteggi aveva portato alla vittoria di Joe Biden.

La Hutchinson era stata assistente per l'ultimo capo del personale di Trump, Mark Meadows, e ha sostenuto che l'allora presidente si sarebbe irritato per la mancanza di folla sufficiente al suo comizio quel giorno. E che avrebbe mostrato di essere stato informato che alcuni manifestanti erano armati. La testimone ha raccontato che l'allora presidente avrebbe affermato che non gliene importava nulla (usando termini volgari) se alcuni manifestanti erano armati perché "non sono qui per fare del male a me".

Durante il comizio Trump disse ai manifestanti che li avrebbe accompagnati al Campidoglio, ma poi gli agenti della sicurezza lo riportarono alla Casa Bianca. Secondo la Hutchinson, a quel punto Trump infuriato avrebbe addirittura cercato di far cambiare strada all'auto presidenziale, afferrando il volante e spintonando un agente dei servizi segreti.

La dura replica dell'ex presidente non si è fatta attendere. La Hutchinson "ha cambiato gli avvocati due giorni fa, dopodiché la sua testimonianza è totalmente cambiata", sostiene Trump. "Non c'è stato nessun controinterrogatorio", e secondo l'ex presidente tutta l'indagine sarebbe illegale.

In una serie di messaggi via social, Trump ha contestato diversi specifici elementi raccontati dalla Hutchinson, ovvero che si sarebbe lamentato dell'assenza di folla sufficiente al suo comizio: "non mi sono mai lamentato della folla, era massiccia e non ho mai chiesto che facessimo venire gente armata ad assistere al mio intervento. Chi farebbe mai una cosa del genere? Certamente non io".

"Peraltro non sono state trovate armi nel Campidoglio quindi dove erano tutte queste armi?", ha proseguito l'ex presidente. E ancora sulla Hutchinson, Trump ha detto di non conoscerla granché ma di aver sentito "cose molto negative su di lei" e che quando chiese di restare con il suo team in Florida bocciò personalmente l'ipotesi. "Perché voleva restare con noi se ci riteneva così terribili?".

L'accusa di aver cercato di afferrare il volante della limousine presidenziale "è falsa come è falsa la sua testimonianza ed è falsa questa inchiesta. Non sarebbe stato nemmeno possibile - dice Trump - fare una cosa così ridicola".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli