Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    34.580,52
    +262,41 (+0,76%)
     
  • Dow Jones

    40.000,90
    +247,15 (+0,62%)
     
  • Nasdaq

    18.398,45
    +115,04 (+0,63%)
     
  • Nikkei 225

    41.190,68
    -1.033,34 (-2,45%)
     
  • Petrolio

    82,18
    -0,44 (-0,53%)
     
  • Bitcoin EUR

    52.944,39
    +782,26 (+1,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.210,96
    +12,39 (+1,03%)
     
  • Oro

    2.416,00
    -5,90 (-0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,0910
    +0,0040 (+0,37%)
     
  • S&P 500

    5.615,35
    +30,81 (+0,55%)
     
  • HANG SENG

    18.293,38
    +461,05 (+2,59%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.043,02
    +66,89 (+1,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8397
    -0,0016 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    0,9751
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4865
    +0,0053 (+0,36%)
     

Usa, prezzi produzione scendono inaspettatamente a maggio

L'inflazione statunitense rallenta per dare slancio all'economia

WASHINGTON (Reuters) - I prezzi alla produzione negli Stati Uniti sono calati inaspettatamente a maggio grazie alla riduzione dei costi dell'energia, un altro segnale che l'inflazione si sta attenuando dopo l'impennata del primo trimestre.

L'indice dei prezzi alla produzione (Ppi) per la domanda finale è sceso dello 0,2% il mese scorso, dopo aver registrato un aumento dello 0,5% non rivisto in aprile, secondo il dipartimento del Lavoro.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un aumento dello 0,1% del Ppi. Nei 12 mesi fino a maggio, il Ppi è aumentato del 2,2% dopo essere cresciuto del 2,3% in aprile.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Stefano Bernabei)