Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.095,00
    +29,95 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,77 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    112,70
    +0,49 (+0,44%)
     
  • BTC-EUR

    27.832,48
    -112,74 (-0,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,34
    -23,03 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.845,10
    +3,90 (+0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0562
    -0,0026 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,03
    +16,48 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8442
    -0,0039 (-0,46%)
     
  • EUR/CHF

    1,0288
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3556
    -0,0013 (-0,09%)
     

Usa, produttività segna calo record da 1947 in trim1

Bandiera degli Stati Uniti all'ingresso di una casa

WASHINGTON (Reuters) - La produttività dei lavoratori statunitensi è calata al ritmo più rapido dal 1947 nel primo trimestre, mentre ha accelerato la crescita del costo unitario del lavoro, suggerendo che la l'aumento della pressione salariale contribuirà a mantenere l'inflazione alta per un po'.

La produttività non agricola, che misura la produzione oraria per lavoratore, è calata ad un tasso annualizzato del 7,5% nell'ultimo trimestre, il peggior dato dal terzo trimestre del 1947, secondo i dati pubblicati oggi dal dipartimento del Lavoro.

Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano un calo del 5,4%. Le prime avvisaglie della diminuzione erano giunte nel report sul Pil del primo trimestre, che aveva mostrato una contrazione dell'1,4% della maggiore economia del mondo.

La produttività è calata ad un tasso dello 0,6% rispetto ad un anno fa. Il dato è stato volatile sin dall'inizio della pandemia da Covid-19, oltre due anni fa.

Le ore lavorate sono cresciute del 5,5% nel primo trimestre dopo essere salite del 2,5% nel quarto trimestre.

Il costo unitario del lavoro, ossia il prezzo del lavoro per singola unità prodotta, è balzato dell'11,6%. Questo picco segue una crescita dell'1,0% nel quarto trimestre del 2021. La crescita del costo unitario del lavoro, probabilmente esagera il ritmo della crescita nel costo del lavoro. Il costo unitario del lavoro è cresciuto ad un tasso del 7,2% da un anno fa.

La scorsa settimana, un report governativo ha mostrato che nel primo trimestre i salari dei lavoratori statunitensi sono cresciuti al ritmo più alto degli ultimi 30 anni nel primo trimestre, complice la persistente carenza di manodopera.

Alla fine di marzo si registravano 11,5 milioni di posti di lavoro disponibili, un livello da record.

Il salario orario è cresciuto del 3,2% nel primo trimestre, dopo una crescita del 7,4% nel quarto trimestre del 2021. Su base annua i salari sono cresciuti del 6,5%.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli