Italia markets open in 6 hours 29 minutes
  • Dow Jones

    30.932,37
    -469,63 (-1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.192,35
    +72,95 (+0,56%)
     
  • Nikkei 225

    29.568,80
    +602,79 (+2,08%)
     
  • EUR/USD

    1,2095
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    38.239,69
    -444,36 (-1,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    923,49
    -9,65 (-1,03%)
     
  • HANG SENG

    28.980,21
    0,00 (0,00%)
     
  • S&P 500

    3.811,15
    -18,19 (-0,48%)
     

Usa, ripresa mercato lavoro più lenta delle attese a gennaio

·1 minuto per la lettura

WASHINGTON (Reuters) - A gennaio negli Stati Uniti si è assistito a una crescita del numero degli occupati inferiore alle attese, mentre a dicembre la perdita di posti di lavoro è stata più marcata di quanto inizialmente stimato, dati che ribadiscono la necessità di maggiore stimolo da parte del governo a sostegno della ripresa dalla pandemia di Covid-19.

Il dipartimento del Lavoro ha comunicato che gli occupati del settore non agricolo sono aumentati di 49.000 unità lo scorso mese. Il dato relativo al mese di dicembre è stato rivisto, segnalando che 227.000 persone hanno perso il posto di lavoro rispetto alle 140.000 inizialmente stimate.

Il calo di dicembre è il primo in otto mesi e giunge nel contesto delle rinnovate restrizioni su attività come bar e ristoranti per rallentare una recrudescenza di contagi da coronavirus.

Il tasso di disoccupazione si è attestato al 6,3% a gennaio. Il dato è stato sottostimato a causa di errori di classificazione da parte di alcune persone che si sono definitive "occupate ma assenti dal lavoro".

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un aumento degli occupati pari a 50.000 unità a gennaio.