Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.489,18
    +211,61 (+0,81%)
     
  • Dow Jones

    35.294,76
    +382,20 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    14.897,34
    +73,91 (+0,50%)
     
  • Nikkei 225

    29.068,63
    +517,70 (+1,81%)
     
  • Petrolio

    82,66
    +1,35 (+1,66%)
     
  • BTC-EUR

    52.545,11
    -181,56 (-0,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.464,06
    +57,32 (+4,07%)
     
  • Oro

    1.768,10
    -29,80 (-1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1606
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.471,37
    +33,11 (+0,75%)
     
  • HANG SENG

    25.330,96
    +368,37 (+1,48%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.182,91
    +33,85 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8437
    -0,0041 (-0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0701
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4344
    +0,0001 (+0,01%)
     

Usa, sì a messa in libertà dell'uomo che sparò a Reagan

·1 minuto per la lettura

Un giudice federale ha approvato la messa in libertà di John Hinckley, l'uomo che nel 1981 tentò di assassinare Ronald Reagan di fronte ad un hotel di Washington. "Se non avesse tentato di uccidere il presidente, avrebbe avuto il rilascio incondizionato già da molto tempo", ha detto il giudice distrettuale, Paul Friedman, che oggi stabilito che Hinckley, che nel 2016 ha lasciato l'istutito psichiatrico dove era rinchiuso ma era sottoposto ancora a restrizioni di movimenti e comunicazioni.

L'avvocato di Hinckley ha detto che il suo cliente, che ora ha 66 anni, ha chiesto scusa alle sue vittime - oltre Reagan, nell'attacco rimasero feriti il suo addetto stampa, James Brady, che rimase paralizzato, un agente del Secret Service ed un poliziotto - al popolo americano ed a Jodie Foster. L'uomo, che aveva 25 anni al momento della sparatoria, infatti aveva un'ossessione per l'attrice e sosteneva che era stata questa a spingerlo a tentare di assassinare il presidente.

"La sua malattia mentale è in piena remissione ed è così da almeno tre decenni", ha aggiunto l'avvocato. Ritenuto non responsabile per i crimini a causa dell'insanità mentale, nel 1982 Hinckley era stato internato in un ospedale psichiatrico. La completa revoca di ogni misura restrittiva a suo carico entrerà in vigore il prossimo giugno, ha stabilito il giudice.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli