Italia markets open in 8 hours 1 minute
  • Dow Jones

    26.519,95
    -943,24 (-3,43%)
     
  • Nasdaq

    11.004,87
    -426,48 (-3,73%)
     
  • Nikkei 225

    23.418,51
    -67,29 (-0,29%)
     
  • EUR/USD

    1,1752
    -0,0037 (-0,32%)
     
  • BTC-EUR

    11.298,52
    +94,16 (+0,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    261,22
    -11,47 (-4,20%)
     
  • HANG SENG

    24.708,80
    -78,39 (-0,32%)
     
  • S&P 500

    3.271,03
    -119,65 (-3,53%)
     

Usa scelgono 'Milano', la bilancia smart per donazione del sangue

Red
·4 minuti per la lettura

Roma, 30 set. (askanews) - È smart, versatile, e ha un design tutto italiano: cambia posizione con grande facilità, riuscendo a sfruttare ogni configurazione di utilizzo; è dotata di sensori e di un innovativo display touch; è alimentata da una batteria che garantisce oltre 100 donazioni con una ricarica aumentando l'autonomia del dispositivo. La nuova bilancia per la donazione, chiamata "Milano", in omaggio alla capitale italiana del design, nasce dalla collaborazione tra Delcon, azienda italiana specializzata nella progettazione e produzione di dispositivi medicali e software per la filiera del sangue, e il New York Blood Center (NYBC). Quest'ultimo ha deciso di affidarsi all'azienda di Bergamo per rispondere all'esigenza di portare innovazione e nuove tecnologie nel mercato USA, un mercato in cui le donazioni di sangue avvengono molto spesso attraverso postazioni di raccolta mobili. Per rispondere a questa esigenza, Delcon ha avviato con Cefriel un processo di co-design che, iniziato nel 2018, ha coinvolto un team di dieci persone. Risultato: al termine del picco dell'emergenza Covid-19, dopo un anno e mezzo dal primo prototipo, sono stati inviati 12 dispositivi per un primo pilota presso il New York Blood Center. A breve, non appena la situazione legata alla diffusione del Covid-19 lo consentirà, verranno installati e testati in mobilità su due bus (centri trasfusionali itineranti) da sei bilance ciascuno, con sei postazioni di donazione, che andranno a raccogliere donazioni di sangue tra la popolazione statunitense. "L'approccio Design Thinking da cui è nata la collaborazione con Cefriel e che ha portato al nuovo dispositivo - commenta Barbara Sala, CEO Delcon - ha permesso all'azienda di ottenere due risultati fondamentali: ristabilire la relazione con il cliente finale, e disporre di uno strumento importante per interpretare i bisogni del cliente al fine di creare valore nella filiera. Un approccio differenziante e distintivo, che abbiamo potuto adottare in maniera veloce e dinamica anche grazie alla nostra dimensione e a una struttura organizzativa matriciale e poco gerarchizzata, dove le decisioni si prendono velocemente. Tutto questo dimostra come per una PMI quale Delcon, affiancata dai giusti partner di innovazione e corredata dalle opportune competenze, la dimensione dell'azienda possa diventare un punto di forza e non un limite o una debolezza nello sviluppo di nuovi vantaggi competitivi". "Con Cefriel - prosegue Sala - siamo infatti riusciti a progettare e realizzare un dispositivo realmente innovativo, pensato per ottimizzare la raccolta di sangue in tutto il processo, dall'esperienza d'uso alla trasportabilità e alla sicurezza per il donatore. Un focus importante è stato dato al miglioramento delle funzionalità per gli operatori che raccolgono il sangue, che ogni giorno svolgono un lavoro prezioso e fondamentale per la società e per la salute delle persone". Ideata per essere più maneggevole e facilitare il lavoro degli operatori, la nuova bilancia dal design "made in Italy" si caratterizza infatti per una maggiore ergonomia ed una elevata praticità di trasporto: la maniglia integrata sul retro della bilancia ne aumenta la trasportabilità, mentre un gancio, intercambiabile secondo il tipo di supporto, permette all'operatore di collegare il dispositivo al lettino o alla poltrona per la donazione. Il design allungato del dispositivo, innovativo rispetto allo standard di mercato, permette di raggiungere un duplice obiettivo: facilitare le operazioni di lavoro dell'operatore in posizione eretta, grazie all'innalzamento dell'interfaccia utente, che include il display touch ed il lettore barcode, ora collocata nella parte alta del device; al tempo stesso, preservare, la posizione del vassoio nella parte inferiore del dispositivo, agevolando la donazione del sangue per caduta. La bilancia può anche essere usata in versione desktop, appoggiata al pavimento o a un carrellino. Inoltre l'ampia dotazione di sensoristica e le numerose funzionalità - tra cui la raccolta dei dati personali consentiti, la prolungata autonomia della batteria intercambiabile e ricaricabile con un caricatore esterno a sei postazioni e l'integrazione del display touch con cui interagire per tutte le funzioni di input e output necessarie - trasformano la bilancia in un device tecnologico di ultima generazione ed accrescono notevolmente le performance: la bilancia permette di fare oltre 100 donazioni con una carica della batteria, un valore considerevole rispetto alla media di mercato. "Proprio per rispondere alle tante esigenze del mercato americano e della sua filiera complessa, il NYBC è salito a bordo del progetto. Con questo importante centro trasfusionale abbiamo disegnato una soluzione innovativa, nata in una sorta di ecosistema in cui competenze differenziate sono state messe a fattor comune con un risultato straordinario", racconta Sala. "Nella realizzazione del progetto con Delcon abbiamo seguito un approccio 'design thinking', agile ed efficace in ogni aspetto progettuale - spiega Alfonso Fuggetta, CEO Cefriel - a partire dall'analisi dell'esigenza fino alla soluzione concreta, e mettendo insieme competenze diverse. Siamo orgogliosi di aver supportato una realtà d'eccellenza nel panorama nazionale che sta affrontando una fase importante della sua internazionalizzazione".