Italia markets close in 1 hour 57 minutes
  • FTSE MIB

    23.041,23
    -42,32 (-0,18%)
     
  • Dow Jones

    31.449,78
    +58,26 (+0,19%)
     
  • Nasdaq

    13.370,50
    +11,72 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    29.559,10
    +150,93 (+0,51%)
     
  • Petrolio

    60,81
    +1,06 (+1,77%)
     
  • BTC-EUR

    42.237,18
    +1.281,71 (+3,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.016,68
    +28,59 (+2,89%)
     
  • Oro

    1.712,40
    -21,20 (-1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,2063
    -0,0025 (-0,21%)
     
  • S&P 500

    3.872,48
    +2,19 (+0,06%)
     
  • HANG SENG

    29.880,42
    +784,56 (+2,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.706,80
    -0,92 (-0,02%)
     
  • EUR/GBP

    0,8636
    -0,0020 (-0,24%)
     
  • EUR/CHF

    1,1063
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5244
    -0,0027 (-0,18%)
     

Utilities si accendono a Piazza Affari su proposte Pd a Draghi in tema ambientale

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Il settore delle utility si accende a Piazza Affari. In una seduta in leggero rialzo, Enel avanza dell'1,2%, seguita a ruota da A2a e Terna che salgono di circa l'1%. Secondo Quotidiano Energia il Pd ha presentato un programma in tema ambientale al premier incaricato di formare il nuovo governo, Mario Draghi. Tra le proposte, un piano straordinario di investimento nelle rinnovabili attraverso misure di semplificazione autorizzativa, un adeguamento delle reti e sviluppo di una strategia per l'idrogeno (con il rilancio dell'ex Ilva di Taranto), un rilancio degli investimenti e miglioramento della governance nel settore idrico e uno sviluppo della filiera dell'economia circolare. "Si tratta di indicazioni favorevoli per il settore utilities nel complesso, il più esposto ai temi ambientali", sottolineano oggi da Equita. In particolare, secondo la sim milanese, a beneficiare dello sviluppo delle rinnovabili saranno soprattutto Enel, Erg, Falck, Alerion, Inbre e in maniera minore anche A2A. Per l'adeguatezza reti, invece, sarebbe Terna la favorita, mentre sull'idrogeno in prima fila Snam ed Enel. Infine, Iren, A2A, Acea, Hera avrebbero maggiori benefici sul settore idrico, economia circolare e reti di distribuzione.