Italia markets open in 3 hours 41 minutes
  • Dow Jones

    31.880,24
    +618,34 (+1,98%)
     
  • Nasdaq

    11.535,27
    +180,66 (+1,59%)
     
  • Nikkei 225

    26.863,33
    -138,19 (-0,51%)
     
  • EUR/USD

    1,0675
    -0,0022 (-0,20%)
     
  • BTC-EUR

    27.440,35
    -1.007,12 (-3,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    655,89
    -18,99 (-2,81%)
     
  • HANG SENG

    20.181,18
    -288,88 (-1,41%)
     
  • S&P 500

    3.973,75
    +72,39 (+1,86%)
     

Vaccini e Omicron, lo studio sulla protezione

·1 minuto per la lettura
protezione vaccini omicron
protezione vaccini omicron

Uno studio americano ha testato la protezione dei vaccini contro la variante Omicron: i risultati della University of Texas Medical Branch.

Lo studio americano sulla protezione alla variante Omicron

Chi ha ricevuto la dose booster di un vaccino Pfizer o BioNtech può stare tranquillo: uno studio della University of Texas Medical Branch ha dimostrato che gli anticorpi contro la variante Omicron rimangono ad alto livello per i successivi 4 mesi.

Gli scienziati hanno analizzato campioni di soggetti vaccinati e si sono concentrati sulla presenza e l’azione degli anticorpi sia contro vecchi ceppi del virus, che contro una versione della variante Omicron trattata in laboratorio. Inoltre, è emerso che due dosi di vaccino Pfizer non sono in grado di neutralizzare Omicron.

Lo studio sulla variante Omicron: ulteriori dati in arrivo

Per quanto confortante, lo studio è ancora in fase semi-embrionale, e non è ancora stato sottoposto a revisione. Tuttavia, quel che è certo è che «tre dosi aumentano l’intensità e l’ampiezza» dell’azione di sbarramento nei confronti della variante, come evidenziato da Pei-Yong Shi e Xuping Xie, co-autori dello studio.

Ulteriori dati clinici e di laboratorio forniranno indicazioni più approfondite sulla durata della protezione e la potenziale necessità di un vaccino modificato per Omicron.

Lo studio sulla variante Omicron: effetto calente sopo 4 mesi

Un’altra certezza che è emersa dallo studio è la graduale diminuzione del livello di anticorpi a partire da qualche settimana dopo la somministrazione della dose booster. Nonostante ciò, la protezione rimane attiva fino a 4 mesi dall’inoculazione.

Inoltre, due dosi di Pfizer e BionNtech, potrebbero garantire protezione contro la forma grave della malattia, anche se non evitano il contagio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli