Italia markets close in 4 hours 26 minutes
  • FTSE MIB

    24.560,18
    +31,49 (+0,13%)
     
  • Dow Jones

    34.035,99
    +305,10 (+0,90%)
     
  • Nasdaq

    14.038,76
    +180,92 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,43
    -0,03 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    50.533,63
    -2.170,07 (-4,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.348,13
    -32,82 (-2,38%)
     
  • Oro

    1.776,80
    +10,00 (+0,57%)
     
  • EUR/USD

    1,1992
    +0,0016 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    4.170,42
    +45,76 (+1,11%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.009,52
    +16,09 (+0,40%)
     
  • EUR/GBP

    0,8691
    +0,0008 (+0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,1015
    -0,0018 (-0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,4985
    -0,0024 (-0,16%)
     

Vaccino AstraZeneca, "seconda dose anche dopo 3 mesi"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Con il vaccino" anti coronavirus "AstraZeneca è possibile andare avanti con una sola dose inizialmente e aspettare a dare la seconda anche dopo 3 mesi. Anzi i dati che abbiamo - perché abbiamo dati clinici al riguardo - dimostrano che questa strategia può essere anche vincente". Lo ha spiegato Marco Cavaleri, responsabile Vaccini e Prodotti terapeutici per Covid-19 dell'Agenzia europea del farmaco Ema, intervenuto a 'Caffè Europa' su Rai Radio1.

Su questo fronte, diverso è il discorso per i vaccini a mRna, ha evidenziato l'esperto. Per questi "invece non ci sono dati a sufficienza per avere una strategia simile, ma anche lì si può comunque ritardare la seconda dose fino a 6 settimane e non dovrebbero esserci problemi, ma andare oltre le 6 settimane comporta qualche rischio che gli inglesi si stanno prendendo. E' bene aspettare di avere qualche evidenza al riguardo prima di andare in quella direzione".

Mentre in alcune aree d'Europa i contagi mostrano nuovamente una tendenza all'aumento, Cavaleri ha sottolineato come bisogna "cercare di vaccinare, con tutto quel che abbiamo a disposizione di approvato, soprattutto i più fragili. Deve essere la priorità numero uno. Perché sono loro che poi vanno in ospedale e rischiano la vita".

Lo stesso Cavaleri racconta di non essere ancora stato vaccinato. "Sto aspettando pazientemente il mio turno". In Olanda, dove ha sede l'Ema, "non stanno andando in modo particolarmente veloce e ho fatto presente anche al nostro direttore che sarebbe bene che venissimo considerati quanto prima. Io - ribadisce - aspetterò il mio turno e prenderò il vaccino che sarà disponibile".