Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    51.200,16
    -763,85 (-1,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Vaccino covid, autonomi e partite Iva: "Priorità anche al nostro mondo"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"E' positiva l'accelerazione richiesta dal premier Draghi sulla campagna vaccinale e anche l'avvio dei vaccini in azienda. Ma io credo che sarebbe opportuno dare una priorità nella vaccinazione alle partite Iva, come artigiani, commercianti e anche professionisti, che lavorano dalla mattina alla sera, incontrando tante persone e purtroppo a volte anche in condizioni a rischio". Così, intervistato da Adnkronos/Labitalia, Eugenio Filograna, presidente del Movimento Autonomi e Partite Iva, sull'accelerazione della campagna vaccinale anti Covid-19 a cui punta il governo nelle prossime settimane.

Per Filograna, un'accelerazione nella quale dovrebbe essere compresa "una maggiore attenzione per le micro imprese, che sono l'80% del totale, e per gli autonomi". "Serve dare priorità a questo mondo nella campagna vaccinale, anche se capiamo che, vista la penuria attuale di vaccini, si debba pensare di più alle persone fragili e agli anziani", sottolinea.

Ma trascurare, avverte, "commercianti, artigiani e professionisti che in questi mesi hanno lavorato in trincea, e allo stesso tempo si sono dovuti fermare seguendo le ordinanze sanitarie, vuol dire anche non aiutare la crescita del Pil e del gettito fiscale, al quale le decine di milioni di autonomi contribuiscono in maniera centrale". "Oggi queste persone lavorano tutto il mondo, incontrano gente e va tutelata la loro salute e anche quella degli altri. Il governo non si può girare dall'altra parte", conclude Filograna.