Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.489,18
    +211,61 (+0,81%)
     
  • Dow Jones

    35.294,76
    +382,20 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    14.897,34
    +73,91 (+0,50%)
     
  • Nikkei 225

    29.068,63
    +517,70 (+1,81%)
     
  • Petrolio

    82,66
    +1,35 (+1,66%)
     
  • BTC-EUR

    52.277,75
    -1.604,98 (-2,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.464,06
    +57,32 (+4,07%)
     
  • Oro

    1.768,10
    -29,80 (-1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1606
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.471,37
    +33,11 (+0,75%)
     
  • HANG SENG

    25.330,96
    +368,37 (+1,48%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.182,91
    +33,85 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8437
    -0,0041 (-0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0701
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4344
    +0,0001 (+0,01%)
     

Vaccino covid, efficace al 94% in malati cancro ma con 2 dosi in 21 giorni

·2 minuto per la lettura

Il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 funziona nei pazienti oncologici, ma per arrivare a un'adeguata protezione servono due dosi in 21 giorni. E' il risultato di un maxi studio sulla risposta immunologica e sulla sicurezza del vaccino anti-Covid a mRna nelle persone colpite da un tumore. La ricerca, presentata oggi all'Università Sapienza di Roma, è stata condotta dall'Istituto Regina Elena-Sapienza ed è stato pubblicato sulla rivista 'Clinical Cancer Research'. Lo studio ha arruolato 816 pazienti.

"Il tasso di risposta è aumentato in maniera significativa dal 59,8% a 3 settimane dalla prima inoculazione fino al 94,2% dopo la seconda. Sono in corso valutazioni sul mantenimento dell'immunoreattività nel tempo per definire la necessità della terza somministrazione in questi pazienti fragili, ma i dati preliminari mostrano una notevole diminuzione rispetto ai sani e una previsione di azzeramento degli anticorpi nei pazienti a circa 9 mesi rispetto ai 16 dei sani", ha detto Francesco Cognetti, direttore Oncologia medica del Regina Elena-Sapienza.

Lo studio ha arruolato dunque oltre 800 pazienti con diversi tipi di neoplasie solide, in particolare tumore del seno (31%), del polmone (21%) e melanoma (15%), in trattamento attivo o sottoposti a cure nei 6 mesi precedenti la vaccinazione anti-Covid.

"Tutti i pazienti hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino a distanza di 21 giorni - ha proseguito Cognetti - Il tasso di risposta sierologico e il titolo positivo di immunoglobuline IgG sono stati misurati in tre diversi momenti: prima della vaccinazione, a 3 e a 7 settimane dalla prima inoculazione. Il gruppo di confronto con le persone sane era rappresentato da 274 operatori sanitari, sottoposti alla immunizzazione anti-Covid con ciclo completo. Il tasso di risposta anticorpale è aumentato nei pazienti oncologici in maniera significativa dal 59,8% a 21 giorni dalla prima dose fino al 94,2% dopo 7 settimane. Invece gli operatori sani hanno evidenziato una percentuale di risposta del 93,7% già 21 giorni dopo la prima dose, raggiungendo il 100% a 7 settimane".

"Tutti i pazienti oncologici vaccinati - ha evidenziato l'oncologo - sono stati seguiti con frequenti tamponi molecolari. Complessivamente sono stati registrati solo 5 casi (0,6%) di infezioni da Covid, peraltro asintomatiche. Ciò conferma l'elevatissimo valore della vaccinazione in questa popolazione molto fragile di pazienti". (segue)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli