Italia markets open in 3 hours 32 minutes
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.467,33
    +301,74 (+1,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1912
    +0,0016 (+0,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.812,09
    -214,88 (-1,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    372,93
    +3,18 (+0,86%)
     
  • HANG SENG

    26.814,66
    +226,46 (+0,85%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Vaccino Covid fa volare il Ftse Mib (+5,4%) e Wall Street tocca nuovi record

Redazione Finanza
·2 minuto per la lettura

Piazza Affari ha iniziato la settimana con un balzo di oltre il 5% sotto la spinta delle notizie sul vaccino anti-Covid. Il Ftse Mib, reduce dal quasi +10% di settimana scorsa, ha chiuso a 20.750 punti, in rialzo del 5,43%. Già prima dell’annuncio di Pfizer sui riscontri del vaccino i mercati viaggiavano in rialzo di oltre il 2% sull’onda dell’affermazione di Biden alle elezioni Usa. Oltreoceano nuovi record per tutti i principali indici di Wall Street. Lo studio clinico di fase 3 del candidato vaccino che Pfizer sta sviluppando con la tedesca BioNTech ha mostrato un'efficacia oltre il 90%, una percentuale ben oltre le aspettative. Pfizer e BioNTech chiederanno l’autorizzazione all’uso di emergenza alla Food and Drug Administration (FDA) subito dopo il raggiungimento del traguardo di sicurezza richiesto, che attualmente dovrebbe avvenire nella terza settimana di novembre. A Milano impennata verticale per ENI che è andata a chiudere a +12,78% sopra quota 7,3 euro grazie anche al parallelo balzo delle quotazioni del petrolio WTI a +10% circa. Rispetto ai minimi pluriennali toccati il 29 ottobre a 5,73 euro, il titolo del colosso energetico segna un rimbalzo del 29% circa. In generale è stato tutto il settore energetico a volare oggi con +12,31% per Saipem e +9,57% per Tenaris. La migliore di oggi è stata Leonardo con +16,27% oltre la soglia dei 5 euro, seguita da Pirelli e Bper con oltre +14%. Tra le banche spicca poi il +13,73% di Unicredit che risale in area 7,70 euro. Molto bene anche Intesa con +9,22% a 1,765 euro. Fuori dal Ftse Mib spicca il +33,6% di Autogrill, tra i titoli più penalizzati dalla pandemia. Di contro, debacle oggi per il titolo Diasorin che nel finale arriva a cedere il 16,5% a quota 168 euro pagando le notizie positive sul fronte vaccino. Male anche Fineco (-2,21%) che ha reagito male ai conti del terzo trimestre.