Italia markets close in 7 hours 17 minutes
  • FTSE MIB

    24.570,17
    -121,29 (-0,49%)
     
  • Dow Jones

    34.077,63
    -123,04 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    13.914,77
    -137,58 (-0,98%)
     
  • Nikkei 225

    29.100,38
    -584,99 (-1,97%)
     
  • Petrolio

    64,24
    +0,86 (+1,36%)
     
  • BTC-EUR

    45.483,23
    -2.269,01 (-4,75%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.235,75
    -63,21 (-4,87%)
     
  • Oro

    1.770,30
    -0,30 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    1,2071
    +0,0031 (+0,25%)
     
  • S&P 500

    4.163,26
    -22,21 (-0,53%)
     
  • HANG SENG

    29.135,41
    +29,26 (+0,10%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.004,71
    -15,20 (-0,38%)
     
  • EUR/GBP

    0,8628
    +0,0023 (+0,27%)
     
  • EUR/CHF

    1,1038
    +0,0030 (+0,27%)
     
  • EUR/CAD

    1,5073
    -0,0008 (-0,05%)
     

Vaccino in pillole contro il Covid: quando arriva e come funziona

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Vaccino in pillole contro il Covid: quando arriva e come funziona (Getty Images)
Vaccino in pillole contro il Covid: quando arriva e come funziona (Getty Images)

Arriva un vaccino contro il Covid-19 in forma di pillole. L’annuncio arriva dall’azienda Oravax, che sta lavorando sul nuovo prodotto che promette di dare un'accelerazione alla lotta contro il coronavirus. In una nota stampa diffusa dalla società israelo-statunitense si legge che i test avranno inizio nel secondo trimestre del 2021 e quindi già a partire da aprile.

Se Moderna e Pfizer hanno iniziato il lavoro sulle sperimentazioni clinici sull'uomo a partire - rispettivamente - da marzo e maggio 2020, potrebbe passare ancora molto tempo prima di veder effettivamente arrivare nelle farmacie italiane il vaccino anti Covid in compresse. 

GUARDA ANCHE - Spray nasale anti-covid: è davvero efficace?

Secondo i dati diffusi dalla Oravax, lo studio preclinico sugli animali ha mostrato che il vaccino per via orale è in grado di generare anticorpi già dalla prima somministrazione. Secondo l'azienda israelo-statunitense, le pillole non proteggeranno solo contro il Covid ma saranno in grado di garantire un’adeguata protezione anche contro le varianti del coronavirus passate e future.

L'amministratore delegato della società, Nadav Kidron, ha riassunto così i benefici di un vaccino in pillole: “Un vaccino orale eliminerebbe diverse barriere per una distribuzione rapida e su larga scala, ridurrebbe i costi di distribuzione e consentirebbe alle persone di vaccinarsi da sole a casa“.

“Mentre la facilità di somministrazione è fondamentale oggi per accelerare i tassi di inoculazione, un vaccino orale potrebbe diventare ancora più prezioso - ha concluso - nel caso in cui diventi indispensabile il richiamo annuale come per il vaccino antinfluenzale standard”.

GUARDA ANCHE - Vaccino italiano ReiThera, quanto ha investito lo Stato?