Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.124,91
    +319,70 (+1,29%)
     
  • Dow Jones

    35.061,55
    +238,20 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    14.836,99
    +152,39 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.548,00
    +159,80 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    72,17
    +0,26 (+0,36%)
     
  • BTC-EUR

    28.590,45
    +633,81 (+2,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    786,33
    -7,40 (-0,93%)
     
  • Oro

    1.802,10
    -3,30 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1770
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    4.411,79
    +44,31 (+1,01%)
     
  • HANG SENG

    27.321,98
    -401,86 (-1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,10
    +50,05 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8561
    +0,0014 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4784
    +0,0003 (+0,02%)
     

Vaccino italiano eVax, "protegge e funziona anche contro varianti"

·1 minuto per la lettura

Il vaccino anti-Covid 'eVax', sviluppato dalle italiane Takis e Rottapharm, "è molto efficiente nell'indurre anticorpi neutralizzanti" e "funziona con una rapida risposta anche contro le varianti". Sono i risultati preliminari, non ancora vagliati dalla comunità scientifica e pubblicati sul sito 'BioRvix', di uno studio condotto dalle aziende Takis Biotech di Castel Romano (Roma) e Rottapharm Biotech di Monza, dall'Irccs San Raffaele di Milano, dalla Sackler School of Medicine dell'Università di Tel Aviv e dal National Infection Service inglese. I dati sono stati ottenuti nei modelli preclinici, ossia su topi modificati.

A differenza delle altre piattaforme tecnologiche già disponibili, a Rna messaggero o a vettore virale, Covid-eVax è un vaccino a Dna, che resiste quindi anche a temperature normali. Per le sue caratteristiche, la produzione dell'antigene è prolungata nel tempo e il vaccino potrebbe funzionare bene già al primo ciclo. Inoltre, se necessario, la somministrazione può essere ripetuta più volte per una risposta immunitaria più solida.

Il vaccino è interamente 'made in Italy' e vede uniti tre ospedali, uno del Nord, il San Gerardo di Monza, uno del centro, lo Spallanzani di Roma, e per il Sud il Pascale di Napoli. I tre centri sono coinvolti nella sperimentazione di fase 1/2. La fase 1 coinvolgerà 80 volontari sani divisi in 4 gruppi con dosi diverse somministrate con o senza richiamo, mentre in fase 2 si raggiungeranno fino a 240 soggetti sulle dosi più promettenti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli