Italia markets close in 5 hours 13 minutes
  • FTSE MIB

    26.600,51
    +75,36 (+0,28%)
     
  • Dow Jones

    35.603,08
    -6,26 (-0,02%)
     
  • Nasdaq

    15.215,70
    +94,02 (+0,62%)
     
  • Nikkei 225

    28.804,85
    +96,27 (+0,34%)
     
  • Petrolio

    82,87
    +0,37 (+0,45%)
     
  • BTC-EUR

    54.317,46
    -2.808,75 (-4,92%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.503,32
    -31,33 (-2,04%)
     
  • Oro

    1.794,50
    +12,60 (+0,71%)
     
  • EUR/USD

    1,1646
    +0,0015 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    4.549,78
    +13,59 (+0,30%)
     
  • HANG SENG

    26.126,93
    +109,40 (+0,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.190,77
    +35,04 (+0,84%)
     
  • EUR/GBP

    0,8433
    +0,0008 (+0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0669
    -0,0007 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4355
    -0,0023 (-0,16%)
     

Vaccino Johnson & Johnson, efficacia al 94% con seconda dose

·2 minuto per la lettura

Il vaccino Johnson&Johnson raggiunge il 94% di efficacia per la protezione dalla malattia moderata o grave con la seconda dose a 2 mesi dalla prima. Lo annuncia oggi il gruppo farmaceutico americano, comunicando "nuovi dati che confermano una protezione forte e duratura conferita dal vaccino", effetto che "aumenta quando viene fatto un richiamo" con lo stesso farmaco. Il profilo di sicurezza è rimasto coerente", e il vaccino "è stato generalmente ben tollerato", anche "quando somministrato come richiamo".

J&J ha sottoposto i dati all'agenzia americana del farmaco Fda e prevede di presentarli anche ad altri entri regolatori, all'Organizzazione mondiale della sanità e ai gruppi consultivi tecnici nazionali sull'immunizzazione (Nitag) in tutto il mondo.

I DATI - I nuovi dati diffusi da J&J arrivano sia da trial clinici di fase 3 sia dal mondo reale, sugli immunizzati negli Stati Uniti. Il più grande studio 'sul campo' condotto finora per un vaccino Covid-19 negli Usa - riporta la compagnia - mostra un'efficacia stabile al 79% contro le infezioni correlate a Covid, e dell'81% contro i ricoveri associati all'infezione. Per tutta la durata della ricerca non sono emerse evidenze di un calo di efficacia, nemmeno quando la variante Delta di Sars-CoV-2 è diventata dominante negli States. Lo studio ha incluso 390mila persone che hanno ricevuto l'iniezione J&J, e come 'controllo' un campione confrontabile di oltre un milione e mezzo di persone non vaccinate.

I risultati emersi erano coerenti con quelli del trial di fase 3 'Ensemble': dopo almeno 28 giorni dalla somministrazione del prodotto monodose, l'efficacia è stata del 75% contro forme di Covid gravi/critiche in tutte le coorti di età e in tutti i Paesi inclusi nello studio; del 74% negli Stati Uniti contro Covid grave/critica; dell'89% contro il ricovero; dell'83% contro la morte correlata a Covid, elenca il gruppo.

Riguardo al richiamo - prosegue J&J - il trial di fase 3 'Ensemble 2' ha indicato che una seconda iniezione del vaccino, somministrata 56 giorni dopo la prima, produceva ad almeno 14 giorni dal booster una protezione del 100% contro Covid grave/critica; del 75% contro Covid sintomatica (da moderata a grave/critica); del 94% contro Covid sintomatica (moderata-grave/critica) negli Usa. Con questo richiamo dato 2 mesi dopo la prima dose, i livelli di anticorpi sono aumentati da 4 a 6 volte. Mentre un booster somministrato a 6 mesi ha incrementato gli anticorpi di 9 volte passata una settimana dal richiamo, con livelli che crescevano progressivamente fino a essere 12 volte superiori trascorse 4 settimane dal richiamo. Tutti gli aumenti sono stati indipendenti dall'età.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli