Italia markets open in 50 minutes
  • Dow Jones

    34.798,00
    +33,20 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.047,70
    -4,50 (-0,03%)
     
  • Nikkei 225

    30.242,08
    -6,73 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    1,1719
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    37.696,16
    +1.535,70 (+4,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.102,25
    -0,81 (-0,07%)
     
  • HANG SENG

    24.308,34
    +116,18 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    4.455,48
    +6,50 (+0,15%)
     

Vacondio (Federalimentare): no al Nutriscore, non arretrare

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 1 set. (askanews) - "Sulla questione del Nutriscore non è possibile trovare una mediazione: la posizione di Federalimentare rimane fortemente contraria e siamo pronti a continuare la battaglia in difesa del Made in Italy": lo ha detto Ivano Vacondio al convegno organizzato da Confagricoltura "L'informazione nutrizionale in Europa fra rischi e opportunità" che si è tenuto oggi a Cibus a Parma.

Una battaglia non divisoria quella contro il Nutriscore perché vede tutti gli attori della filiera e le istituzioni dalla stessa parte. "In particolare - ha detto Vacondio - ho molto apprezzato le dichiarazioni del ministro Patuanelli, che ha ribadito ancora una volta la contrarietà al sistema di etichettatura francese, e quelle dell'ad di Conad Francesco Pugliese la cui posizione, chiara e decisa, è strategica in un'ottica di ulteriore rafforzamento della nostra battaglia contro i sistemi di etichettatura a semaforo".

"Una contrarietà che voglio ribadire qui e che ha a che fare con la salute, con l'educazione del consumatore e con l'economia - ha continuato il presidente di Federalimentare. Per quanto riguarda la salute, il Nutriscore punta a dividere cibi salubri da quelli insalubri. Una separazione totalmente antiscientifica e non condivisibile: la nostra dieta, infatti, si basa proprio sul concetto opposto, quello secondo il quale non esistono cibi buoni e cattivi ma solo diete equilibrate e non equilibrate, perciò tutto può essere mangiato nella giusta quantità".

"C'è poi la questione di educazione del consumatore. Ebbene, apporre un bollino rosso o verde su un prodotto non educa affatto chi lo compra ma, anzi, dà solo un'informazione semplicistica e per giunta fuorviante. Non è così che si educano i consumatori: è necessario dar loro tutte le informazioni affinché siano liberi di scegliere, soprattutto oggi che sono sempre di più le persone interessate a ciò che mangiano. Il NutrInform Battery, l'etichetta proposta dall'Italia, va proprio in questa direzione" ha continuato il presidente di Federalimentare.

Infine, ha detto Vacondio: "è evidente che dietro le parole "salute" e "salubrità" si nascondono mire economiche. Il Nutriscore, infatti, con un bollino rosso o arancione sulle eccellenze Made in Italy vorrebbe indurre il consumatore a non comprarle, diminuendo così le nostre quote di mercato che oggi fanno registrare cifre da record - ricordo che entro fine anno dovremmo raggiungere i 50 miliardi di export. Anche per questo dobbiamo proteggere i nostri prodotti da chi cerca di danneggiarli" - ha concluso il presidente di Federalimentare.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli