Italia markets close in 1 hour 27 minutes
  • FTSE MIB

    21.205,43
    -628,07 (-2,88%)
     
  • Dow Jones

    30.439,02
    -590,29 (-1,90%)
     
  • Nasdaq

    10.863,67
    -314,23 (-2,81%)
     
  • Nikkei 225

    26.393,04
    -411,56 (-1,54%)
     
  • Petrolio

    107,86
    -1,92 (-1,75%)
     
  • BTC-EUR

    18.122,29
    -1.292,16 (-6,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    403,86
    -27,61 (-6,40%)
     
  • Oro

    1.819,30
    +1,80 (+0,10%)
     
  • EUR/USD

    1,0417
    -0,0027 (-0,26%)
     
  • S&P 500

    3.739,39
    -79,44 (-2,08%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.423,68
    -90,64 (-2,58%)
     
  • EUR/GBP

    0,8553
    -0,0058 (-0,68%)
     
  • EUR/CHF

    0,9953
    -0,0012 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,3437
    -0,0022 (-0,16%)
     

Vaiolo delle scimmie, le categorie più a rischio per l'Ecdc

(Adnkronos) - "Il virus del vaiolo delle scimmie può causare malattie gravi in ​​alcuni gruppi di popolazione, come bambini piccoli, donne in gravidanza e persone immunosoppresse". Lo precisa l'Ecdc, Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, in una valutazione rapida del rischio 'monkeypox' pubblicata oggi. Relativamente ai casi che si stanno diffondendo a livello europeo e internazionale, "sono necessarie ulteriori indagini per stimare con precisione il livello di morbilità e mortalità in questo focolaio", puntualizzano gli esperti.

"La maggior parte dei casi attuali" di vaiolo delle scimmie "si è presentata con sintomi lievi e per la popolazione più ampia la probabilità di diffusione è molto bassa. Tuttavia, la probabilità di un'ulteriore diffusione del virus attraverso uno stretto contatto, ad esempio durante le attività sessuali tra persone con più partner sessuali, è considerata alta", spiega Andrea Ammon, direttore dell'Ecdc. I casi di vaiolo delle scimmie, precisa l'Ecdc, attualmente "sono stati diagnosticati principalmente tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, il che suggerisce che la trasmissione potrebbe aver luogo durante le relazioni intime".

Il contagio, ricordano gli esperti, può avvenire attraverso il contatto ravvicinato della mucosa o della pelle non integra con materiale infettivo di lesioni, o attraverso grandi goccioline respiratorie durante il contatto prolungato faccia a faccia.

"Le persone infette" con il virus del vaiolo delle scimmie "dovrebbero rimanere isolate fino alla caduta delle croste" che si creano a seguito dell'eruzione cutanea causata dalla malattia, "e in particolare dovrebbero evitare contatti ravvicinati con persone immunosoppresse e animali domestici", raccomanda quindi l'Ecdc.

Quanto ai contatti stretti dei casi di vaiolo delle scimmie questi "dovrebbero auto-monitorarsi per verificare l'eventuale sviluppo di sintomi per 21 giorni dopo l'ultima esposizione", aggiunge l'Ecdc.

L'ente Ue continuerà a "monitorare da vicino gli sviluppi e aggiornerà la valutazione del rischio non appena saranno disponibili nuovi dati e informazioni".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli