Italia markets close in 1 minute
  • FTSE MIB

    23.124,14
    +25,99 (+0,11%)
     
  • Dow Jones

    31.780,21
    -181,65 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.411,53
    -186,43 (-1,37%)
     
  • Nikkei 225

    30.168,27
    +496,57 (+1,67%)
     
  • Petrolio

    63,33
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    41.913,38
    +1.733,05 (+4,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.025,93
    +31,27 (+3,14%)
     
  • Oro

    1.776,60
    -21,30 (-1,18%)
     
  • EUR/USD

    1,2228
    +0,0060 (+0,49%)
     
  • S&P 500

    3.889,01
    -36,42 (-0,93%)
     
  • HANG SENG

    30.074,17
    +355,93 (+1,20%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.700,05
    -5,94 (-0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8655
    +0,0055 (+0,63%)
     
  • EUR/CHF

    1,1047
    +0,0019 (+0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,5299
    +0,0073 (+0,48%)
     

Valore da scoprire nell'azionario europeo

Virgilio Chelli
·1 minuto per la lettura
Valore da scoprire nell'azionario europeo
Valore da scoprire nell'azionario europeo

La lettura preliminare degli indici che misurano la salute dell’attività manifatturiera in giro per il globo appena usciti indicano che a febbraio sono state battute le attese. In Germania ha accelerato la produzione industriale

La lettura preliminare degli indici che misurano la salute dell’attività manifatturiera in giro per il globo appena usciti indicano che a febbraio sono state battute ancora una volta le attese e che l’espansione prosegue robusta, dall’Australia al Giappone, dalla Germania alla Francia a tutta l’Eurozona fino al Regno Unito che non ne fa parte.

IN GERMANIA ACCELERA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE

In Germania ha anche accelerato la produzione industriale con gli ordini destinati all’esportazione che hanno messo a segno la crescita più sostenuta da tre anni. Resta ancora indietro l’attività nel settore dei servizi, che risente dei rinnovati lockdown.

CRESCITA DEL PIL

Ma in termini di crescita del PIL, che il consensus indica al 5,3% nell’Eurozona nel quarto trimestre del 2021 con un ribaltamento del -5.1% dell’ultimo trimestre del 2020, le cose non vanno male. E il tutto indica che c’è valore inespresso negli asset europei.

LO STOXX 600 HA SPAZIO PER RECUPERARE

L’indice azionario STOXX 600 è circa il 2% sotto i massimi pre-Covid di un anno fa, mente lo S&P è sopra del 17%, ma è a ridosso di importanti livelli di resistenza la cui rottura potrebbe aprire un importante ciclo al rialzo favorito dal tema della ripresa ciclica, che vede l’Europa meno svantaggiata rispetto all’America in termini di composizione del mercato azionario.