Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.548,53
    +318,19 (+0,93%)
     
  • Nasdaq

    13.632,84
    +50,42 (+0,37%)
     
  • Nikkei 225

    29.331,37
    +518,77 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,2070
    +0,0061 (+0,51%)
     
  • BTC-EUR

    46.707,96
    -739,05 (-1,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.468,65
    -2,77 (-0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.637,46
    +219,46 (+0,77%)
     
  • S&P 500

    4.201,62
    +34,03 (+0,82%)
     

Valuta digitale Cina: nulla a che fare con Bitcoin

Francesco Simoncelli
·4 minuto per la lettura

La valuta digitale cinese ha concluso la fase di test ed è pronta per un'inaugurazione in tutto il Paese e la regione. Per qualche ragione, le principali storie sui media riguardo questo argomento parlano anche di Bitcoin, inventato nel 2009 come alternativa al denaro fiat statale.

Solo perché una forma di denaro ha anche nella sua definizione l'aggettivo "digitale" non significa che sia come Bitcoin. Invece non è altro che una valuta statale con un sistema di distribuzione diverso.

  • Lo yuan digitale non vive su un libro mastro pubblico. È controllato centralmente dalle autorità cinesi per essere modificato se, come e quando i capricci politici lo richiedono.

  • Lo yuan digitale non è una valuta peer-to-peer, ma piuttosto richiede l'uso di intermediazioni finanziarie ufficialmente regolamentate.

  • Lo yuan digitale non ha una valutazione basata sul mercato indipendente.

  • Lo yuan digitale non ha un protocollo algoritmico che imponga la produzione di nuove monete (simili alla creazione di denaro), tanto meno una data di fine in cui non verrà più creata. È una valuta con un'offerta di moneta discrezionale controllata dal governo.

  • Lo yuan digitale è programmabile al punto che la valuta può essere fatta scadere, costringendo così i consumatori ad utilizzarla entro una certa data. Questa è una svolta su un'innovazione di politica monetaria oscura e non convenzionale nota come valuta Gesell: denaro con una data di scadenza, la quale conferisce al governo emittente un maggiore grado di controllo sulla velocità del denaro.

  • Lo yuan digitale introduce nuovi modi per sorvegliare la popolazione, creando nuovi dati che possono essere monitorati dalle autorità. Bitcoin ha protezioni pseudoanonime per la privacy degli utenti.

Il valore di Bitcoin e di altre criptovalute non censurabili, affidabili e decentralizzate è in gran parte basato sull'interconnessione tra la distribuzione di nuove unità monetarie e la potenza di elaborazione necessaria per validare le transazioni.

La sicurezza crittografica ha fornito il valore d'uso effettivo alla blockchain. Quella valutazione derivata dal mercato ha fornito un incentivo ai minatori: competere nella costruzione dei blocchi. La robustezza di un gran numero di minatori competitivi contribuisce in modo determinante alla sicurezza del libro mastro, attraverso una forma di "diversificazione" dei nodi e l'incapacità di un minatore di dominare l'hashrate.

(Fonte: Bloomberg Finance, LP)

Non esiste nulla del genere quando abbiamo a che fare con un asset digitale emesso dallo stato, che sarebbe più accuratamente definito come pseudo-criptovaluta o valuta digitale statale.

L'affermazione secondo cui una valuta digitale emessa dalla banca centrale ridurrebbe alcuni costi di transazione e sarebbe meno soggetta ad errori è alquanto accurata. Ma a che prezzo? Altre affermazioni, ad esempio che le valute digitali statali abbasserebbero necessariamente i tassi d'interesse reali, dipendono da come è strutturata esattamente la valuta digitale in questione e dagli scopi per cui viene utilizzata (si dovrebbe anche diffidare dell'affermazione secondo cui l'abbassamento dei tassi d'interesse è necessariamente un risultato positivo).

Diem (Libra), la proposta di Facebook per una valuta coperta da diversi asset (ma comunque gestita centralmente), è tutt'altro che una criptovaluta autentica. Tuttavia le entità politiche, dagli stati alle agenzie di regolamentazione di tutto il mondo, si sono lanciate per mettergli i bastoni tra le ruote. Il problema non è nemmeno "decentralizzazione contro centralizzazione", visto che c'è solo centralizzazione in entrambi i casi. Ogni incentivo politico è diretto verso il controllo monolitico, che è evidente nella progettazione dello yuan digitale.

In breve, tutto ciò che rende Bitcoin quello che è, non lo ritroviamo affatto nello yuan digitale. Bitcoin è stata una fantastica rivelazione nell'era moderna, perché ha dimostrato che lo stato non è necessario per l'esistenza del denaro. Non c'è bisogno di autorità emittenti o di una gestione tecnocratica.

Bitcoin ha dimostrato che il denaro può essere sia privato che vivere su un libro mastro decentralizzato di cui nessuno ne è il proprietario esclusivo: ha risolto il problema dei generali bizantini. Può essere sia un'unità monetaria che un mezzo di pagamento in un unico pacchetto. Vederlo prendere vita in tempo reale e poi sviluppare gradualmente una capitalizzazione di mercato di $1.100 miliardi è stato notevole, soprattutto di fronte all'incredulità degli accademici e agli attacchi inesorabili dei vari stati.

Quei governi che tentano di creare la propria criptovaluta ora stanno semplicemente cercando di immergersi in una delle più grandi creazioni della nostra epoca, anche se evitano tutto ciò che ha reso Bitcoin e altri token così meravigliosi. Il mercato stesso è ora in grado di decidere. A lungo termine, il mercato saprà distinguere i suoi amici dai suoi nemici.

Di Jeffrey Tucker

Traduzione di Francesco Simoncelli

Autore: Francesco Simoncelli Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online