Italia Markets close in 3 hrs
  • FTSE MIB

    22.589,11
    +90,22 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,24 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,10 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.633,46
    +391,25 (+1,39%)
     
  • Petrolio

    52,54
    +0,18 (+0,34%)
     
  • BTC-EUR

    30.470,92
    +297,93 (+0,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    731,83
    -3,31 (-0,45%)
     
  • Oro

    1.835,10
    +5,20 (+0,28%)
     
  • EUR/USD

    1,2136
    +0,0053 (+0,4369%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    29.642,28
    +779,51 (+2,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.608,97
    +6,30 (+0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8913
    +0,0025 (+0,28%)
     
  • EUR/CHF

    1,0765
    +0,0009 (+0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,5447
    +0,0052 (+0,34%)
     

Veneto, ordinanza Zaia: stretta su presenze nei negozi

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

La nuova ordinanza anti assembramenti emessa oggi dal presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, introduce misure più restrittive per quanto riguarda la presenza di pubblico nei negozi.

In tutti esercizi al dettaglio fino ai 40 mq di superficie di vendita può essere presente un cliente, fino ai 250 mq un cliente ogni 20 mq, sopra i 250 mq uno ogni 30. Nelle code di attesa va rispettato il distanziamento di almeno un metro e il gestore è responsabile del controllo. In caso di violazione, l'ordinanza prevede anche la chiusura del negozio.

Nei supermercati l'ingresso è consentito a un solo componente per famiglia, salvo la necessità di accompagnare persone non autosufficienti o minori di 14 anni. Confermata la raccomandazione ai supermercati di riservare l'ingresso agli over 65 nelle prime due ore di apertura, come già stabilito dalla precedente ordinanza. Per bar e ristoranti, confermat il servizio solo al tavolo dalle ore 15 alla chiusura. E' fortemente raccomanda la consegna a domicilio degli acquisti.

La nuova ordinanza conferma inoltre l'obbligo della mascherina ovunque fuori di casa. Le attività motorie e sportive sono permesse solo nei parchi pubblici e spazi aperti e viene confermato il divieto di passeggiate nei centri storici delle città e nelle località di mare e montagna dove abitualmente si registrano affollamenti.