Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    40.693,21
    +1.252,16 (+3,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1925
    -0,0054 (-0,45%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8605
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,1082
    -0,0040 (-0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,5074
    -0,0087 (-0,58%)
     

Venti di correzione

Alessio Zavarise
·1 minuto per la lettura

Il FtseMib, dopo aver centrato in pieno la resistenza a 23.600, storna e si riporta in area 23.000, spartiacque per un’inversione di breve e forse anche di medio; la chiusura settimanale di oggi sarà quindi molto importante per il futuro andamento del nostro listino.

Indici americani e greggio sono ancora alle prese con nuovi massimi, tuttavia siamo arrivati ad una fase speculativa che difficilmente potrà reggere nelle prossime settimane.

Il nostro mercato potrebbe quindi essere pronto per una discesa sui 22.000 punti, mentre ribadiamo che solo con una decisa correzione americana si potrà tornare sui 21.000, considerato peraltro un primo vero punto d’appoggio per comprare titoli con relativa tranquillità.

In caso di salita, un ritorno a 23.600 è ovviamente possibile, mentre si rimane più scettici per un ulteriore allungo sulla successiva resistenza a 24.650, livello sul quale si chiuderebbe un gap aperto esattamente un anno fa. 

Prudenza sempre massima dal punto di vista operativo; si considerano attivate ulteriori coperture sul portafoglio con strumenti ribassisti sull’indice; na valuteremo la chiusura almeno sui 22.000 punti di FtseMib; si sconsigliano acquisti di titoli ai valori attuali.

Autore: Alessio Zavarise Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online