Italia Markets close in 58 mins

Via libera al decreto sul Clima: cosa cambia

Via libera al decreto sul Clima: cosa cambia

Il decreto clima è stato approvato all’unanimità in Consiglio dei ministri. L’atto normativo per i ministro dell’Ambiente Sergio Costa “è il primo del nuovo governo che inaugura il Green New Deal: il primo pilastro di un edificio le cui fondamenta sono la legge di bilancio e il Collegato ambientale, insieme alla legge Salvamare, in discussione alla Camera, e a 'Cantiere ambiente', all'esame del Senato”.

VIDEO - Come risparmiare carta

Anche Luigi Di Maio è dello stesso avviso: “Un grande primo passo verso il cosiddetto Green New Deal, di cui si vuole caratterizzare anche l'Europa ma di cui l'Italia è capofila", essendo il Paese "più all'avanguardia". Il decreto rappresenta "la nuova visione dell'Italia green che investe in energie rinnovabili".

LEGGI ANCHE: Approvato il decreto scuola: cosa cambia

Tra le misure previste dal dl Clima, c’è il buono mobilità per le città e le aree sottoposte a infrazione europea per la qualità dell'aria per il quale vengono stanziati 255 milioni di euro: da 1.500 euro per le autovetture fino alla classe euro 3 e 500 euro per i motocicli a due tempi rottamati da utilizzare entro tre anni per l'acquisto, anche a favore di conviventi, di abbonamenti al trasporto pubblico locale e regionale e di altri servizi ad esso integrativi, nonché di biciclette anche a pedalata assistita.

VIDEO - Come risparmiare sulla bolletta dell’acqua

Saranno inoltre stanziati 30 milioni di euro per la piantumazione e al reimpianto degli alberi e alla creazione di foreste urbane, verranno aumentati i poteri e le risorse dei commissari che si occupano delle bonifiche delle discariche abusive e della depurazione delle acque, per risolvere il problema storico delle infrazioni ambientali, mentre venti milioni andranno ai commercianti per la realizzazione di un angolo per la vendita di prodotti sfusi.

Il decreto "Vale circa 450 milioni che provengono tutti dalle aste verdi". Lo ha detto il ministro dell'Ambiente Sergio Costa. "Si tratta di fondi rigenerabili perché ogni anno ce ne sono sempre di più da mettere a disposizione, quindi le misure si autofinanzieranno negli anni e se il provvedimento gira, le risorse possono crescere come finanziamento in modo automatico. Dalle analisi e previsioni che abbiamo fatto dovrebbe girare bene".