Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    51.934,03
    -1.113,89 (-2,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8663
    -0,0020 (-0,23%)
     
  • EUR/CHF

    1,1018
    -0,0015 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4981
    -0,0028 (-0,19%)
     

Viaggio dentro "Carnage", la romantica e psichedelica implosione di Nick Cave

Luca Piras
·Blogger, media e social editor, contributor, podcaster di HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
Nick Cave e Warren Ellis (Photo: JOEL RYAN)
Nick Cave e Warren Ellis (Photo: JOEL RYAN)

Gli artisti, quelli veri, si riconoscono nel momento del bisogno. E Nick Cave è senza ombra di dubbio uno di questi. L’artista ha pubblicato a sorpresa - insieme a Warren Ellis - l’album “Carnage”. Un disco che attraverso otto brani mostra i lati oscuri dei nostri tempi per illuminare un anno dove l’implosione - di suoni, visioni e umori - diventa lo stato d’animo più condivisibile.

La musica che accompagna “Carnage” ha un sentimento pregno di spiritualità che sfocia in un leitmotiv quasi liturgico. La profondità inimitabile della voce di Cave scava a fondo dentro un vortice di emozioni - tra redenzione e dannazione - dove l’apocalisse diventa il tappeto sonoro che solleva le musiche del disco.

I lunghi intermezzi musicali che caratterizzano l’album sono la rappresentazione di un tempo sospeso, incerto e onirico, come quello che il virus ci costringe a vivere. Il tempo viene dilatato attraverso i paesaggi sonori che Cave dipinge e che portano l’ascoltatore verso orizzonti lontani diventati irraggiungibili a causa dei lockdown che - in diversa misura - hanno colpito tutto il mondo.

La forza evocativa di Cave è legata a filo diretto con la religiosità e la Bibbia. Il brano “Hand of God”, che apre il disco, introduce in modo immersivo le vecchie ossessioni di Cave, che guardano verso il regno dei Cieli e la sua eterna ricerca. Un tema che riporta Cave alla sua infanzia, al coro della cattedrale di Wangaratta di cui faceva parte, e al suo eterno viaggio verso la redenzione, l’angoscia esistenziale e l’amor perduto.

Il titolo “Carnage” non porta con sé, almeno musicalmente, la violenza annunciata. La violenza risiede invece nella forza figurativa, struggente e mistica, di canzoni intense e dai risvolti psichedelici che Cave usa per illuminare un mondo oggi oscuro.

Dopo tantissima musica - scritta, suonata ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.