Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,37 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -130,97 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,25 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    +0,46 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    30.338,13
    -717,84 (-2,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -10,90 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,68 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    +0,0041 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0935
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    +0,0075 (+0,51%)
     

I vincitori dei David di Donatello 2021 e le sorprese della serata (Zalone in primis)

·4 minuto per la lettura
Photo credit: courtesy photo/foto di Luca Dammicco e Emanuele Manco
Photo credit: courtesy photo/foto di Luca Dammicco e Emanuele Manco

"Oddio, ora muoio". Ok, non sarà il ringraziamento che passerà alla storia dei David di Donatello 2021 ma ci piace perché, oltre a essere sincero come Matilda De Angelis, riassume bene l'emozione di questa serata. Ai tanti (troppi?) ringraziamenti di rito, quest'anno si è aggiunta anche molta emozione, a cominciare da una Laura Pausini che, dopo aver cantato in apertura, faticava a trattenere le lacrime (e stava parlando con il ministro Dario Franceschini, che snocciolava dati e normative a sostegno del comparto...), passando per la già citata Matilda De Angelis, il fiatone di Sophia Loren, il premio postumo al compianto Mattia Torre (il "bravo papà" della figlia, quello sì, resterà alla storia), fino al ricordo di Gigi Proietti ricordato da Brignano.

C'è stato spazio anche per una piccola rivendicazione sociale. Pierfrancesco Favino, presentando il vincitore per la categoria Miglior documentario, ha chiesto al governo di "insegnare il cinema e il teatro nelle scuole. Insegniamo ai ragazzi i rudimenti della recitazione e a stare dietro la macchina da presa ma, per favore, facciamolo durante le ore scolastiche, al mattino, non al pomeriggio", ha spiegato Favino, "Lo dico perché, nessuno me ne voglia, ma il più bell'intervento finora l'ha fatto una bambina (la figlia di Torre, ndr) ed è a loro, ai giovani, che voglio dare assoluta fiducia". Un invito sostenuto anche da Piera Detassis: "Condivido: il cinema nelle scuole, non nel pomeriggio".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Ma veniamo ai premi. A prevalere sono state soprattutto le certezze: Elio Germano si è imposto sulla new entry Renato Pozzetto per il David Miglior Attore Protagonista, così come l'immensa Sophia Loren, ingiustamente snobbata agli Oscar e ai Golden Globes e qui vincitrice per L'incredibile isola delle rose, e Fabrizio Bentivoglio che ha sbaragliato la concorrenza per Miglior attore non protagonista. Confermata anche la vittoria di Pietro Castellitto, in pole position per la categoria Miglior regista esordiente. "I premi fanno piacere, le sconfitte fanno crescere", ha commentato il figlio di Castellitto.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Tra le sorprese, il David a Checco Zalone per la canzone Immigrato: in molti si aspettavano che avrebbe vinto Laura Pausini. Persino lo stesso Zalone ne era convinto: "Se lo avessi saputo, sarei venuto lì", esordisce in collegamento streaming. "La mia famiglia sta dormendo... aspetta... ehi, ho vinto! Niente, non gliene frega nulla". A modo suo ha poi ringraziato l'Academy: "La solita cricca di sinistra che premia il giro di amici... ah no, scusate, questa era l'altro commento che mi ero appuntato. Ora leggo quello giusto: Volevo ringraziare l'Accademia che premia con metodo meritocratico...".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

E' stata una piacevole sorpresa anche il David postumo a Mattia Torre per la miglior Sceneggiatura: un riconoscimento più che meritato anche se in molti pensavano che a vincere sarebbero stati i fratelli D'Innocenzo per Favolacce. L'ha ritirato la figlia: "Complimenti a tutti e bravo a papà che è riuscito a vincere anche se non c'è più! Dedico questo premio a tutte le persone che mi sono state vicine, a mio fratello che mi fa sempre ridere, a mamma che non si arrende mai, alle mie amiche, a tutte le ostetriche che si impegnano a far nascere bambini e agli infermieri che non fanno volare via le persone".

Peccato invece per i fratelli D'Innocenzo: dati per favoriti per la Miglior regia e il Miglior film, si sono visti superare da Volevo Nascondermi in entrambe le categorie. Nulla da fare anche per la Miglior sceneggiatura originale, andata invece al compianto Mattia Torre.

Ecco, nel dettaglio, tutti i premi assegnati.

David di Donatello 2021

MIGLIOR FILM

Volevo nascondermi

MIGLIOR REGIA

Giorgio Diritti, Volevo nascondermi

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

Elio Germano, Volevo nascondermi

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

Sophia Loren,

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Matilde De Angelis, L'incredibile storia dell'isola delle rose

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA

Fabrizio Bentivoglio, L'incredibile storia dell'Isola delle rose

MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE

Pietro Castellitto, I predatori

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE

Mattia Torre, Figli

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

Marco Pettenello, Gianni DI GREGORIO, Lontano lontano

MIGLIOR PRODUTTORE

Vivo film con Rai Cinema, Miss Marx

MIGLIOR COSTUMISTA

Massimo Cantini Parrini, Miss Marx

MIGLIOR TRUCCATORE

Luigi Ciminelli, Andrea Leanza, Federica Castelli (prostetico o special make-up), Hammamet

MIGLIO MONTATORE

Esmeralda Calabria, Favolacce

MIGLIOR SCENOGRAFIA

Volevo nascondermi, Ludovica FERRARIO, Alessandra MURA - Paola ZAMAGNI

MIGLIOR ACCONCIATORE

Aldo Signoretti, Volevo nascondermi

MIGLIOR AUTORE DELLA FOTOGRAFIA

Matteo Cocco, Volevo nascondermi

MIGLIOR SUONO

MIGLIOR COMPOSITORE

Gatto ciliegia contro il grande freddo, Downtown boys, Miss Marx

MIGLIOR EFFETTI VISIVI

Stefano Leoni, Elisabetta Rocca, L'incredibile storia dell'isola delle rose

MIGLIOR DOCUMENTARIO

Mi chiamo Francesco Totti, Alex Infascelli

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE

Immigrato, del film Tolo Tolo, Checco Zalone

PREMIO GIOVANI

Francesco Amato, 18 regali

PREMIO DELLO SPETTATORE

Tolo, tolo di Checco Zalone

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli