Italia markets close in 1 hour 20 minutes
  • FTSE MIB

    26.068,43
    -303,49 (-1,15%)
     
  • Dow Jones

    34.432,56
    +410,52 (+1,21%)
     
  • Nasdaq

    15.322,70
    +68,65 (+0,45%)
     
  • Nikkei 225

    27.753,37
    -182,25 (-0,65%)
     
  • Petrolio

    64,98
    -0,59 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    50.472,04
    -1.602,44 (-3,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.460,92
    +22,04 (+1,53%)
     
  • Oro

    1.764,90
    -19,40 (-1,09%)
     
  • EUR/USD

    1,1340
    +0,0018 (+0,16%)
     
  • S&P 500

    4.554,88
    +41,84 (+0,93%)
     
  • HANG SENG

    23.788,93
    +130,01 (+0,55%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.120,57
    -58,58 (-1,40%)
     
  • EUR/GBP

    0,8512
    -0,0010 (-0,12%)
     
  • EUR/CHF

    1,0417
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4532
    +0,0035 (+0,24%)
     

Vino italiano, cambiano i consumi: il 55% di chi lo beve è donna

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 18 ott. (askanews) - C'è una pink revolution nel vino italiano, e non riguarda il prodotto nel bicchiere. Nel 2021 per la prima volta le donne hanno superato numericamente gli uomini tra i wine lover del Belpaese, conquistando una quota pari al 55% dei consumatori regolari, in netto aumento sul 49% dello scorso anno. Lo storico sorpasso, documentato da Wine Intelligence per l'Osservatorio Uiv realizzato in collaborazione con Vinitaly e presentato a Vinitaly Special Edition, è trainato in particolare dall'interesse delle consumatrici più giovani, tra i 18 e i 35 anni, che si dimostrano il segmento più coinvolto dalla categoria "wine".

Secondo i dati dell'Osservatorio, aumenta l'awareness dei consumatori regolari nei confronti delle denominazioni d'origine, con il Brunello di Montalcino Docg in testa alla classifica per riconoscibilità. Sono infatti 2 italiani su 3 a riconoscere il principe dei vini toscani; sul podio salgono anche il Prosecco Doc - che è anche il più consumato - e il Chianti Docg. Chiudono la top 5 il Chianti Classico e il Montepulciano d'Abruzzo Doc.

Dalle tendenze italiane a quelle globali: secondo Iwsr entro la fine dell'anno si prevede una ripresa degli acquisti di vino pari all'1,7%, con un forecast sul quadriennio 2021-2025 del +0.4%. Tra i trend emergenti i ready to drink che, dopo aver registrato un exploit del +26,4% già tra il 2019 e 2020, promettono di chiudere in doppia cifra anche quest'anno (+26,6%), con un tasso di crescita quadriennale previsto del 10,2%.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli