Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.220,29
    -5,00 (-0,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.811,40
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Vino, Masi: nei primi nove mesi 2022 ricavi a 56 mln (+23%)

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 11 nov. (askanews) - Nei primi nove mesi dell'esercizio 2022, Masi Agricola Spa, ha registrato ricavi per 56 milioni di euro (+22,9% sul controperiodo dello scorso anno), un EBITDA di 11,4 milioni (+40%, rispetto ai primi nove mesi del 2021) e un indebitamento finanziario netto di 7,2 milioni (erano 2,7 al 31 dicembre 2021). Lo ha reso noto la storica azienda vitivinicola di Sant'Ambrogio di Valpolicella (Verona), quotata nell'Euronext Growth Milan e celebre per i suoi Amaroni pluripremiati, il cui Cda ha approvato oggi i risultati consolidati al 30 settembre 2022.

Analizzando il trend dei ricavi a livello geografico si registra un incremento dell'Italia, che cresce del 23,7%, mentre gli altri Paesi Europei e le Americhe crescono rispettivamente del 10% e del 28,8%; il Resto del Mondo segna invece un incremento del 74,1%, arrivando a pesare il 6,7% sui ricavi complessivi. Il mix-prodotto, classificato secondo il posizionamento-prezzo retail, nei primi nove mesi del 2022 vede un aumento dei "Top Wines" (bottiglie oltre i 25 euro), che si attestano al 29,1% rispetto al 26,2% del controperiodo, mentre l'incidenza dei "Premium Wines" (tra 10 e 25 euro) passa dal 48,5% al 45,7% e la quota dei "Classic Wines" (tra 5 e 10 euro) resta stabile intorno al 25%.

Alla base della performance delle vendite, l'azienda della Valpolicella indica la ripresa del business nel canale horeca; la propensione dei mercati (soprattutto quelli oltreoceano) ad anticipare gli ordini di acquisto; il posizionamento del marchio di spumanti di Valdobbiadene Canevel; il graduale e sempre più visibile ritorno al funzionamento del "Duty Free and Travel Retail".