Italia markets close in 50 minutes
  • FTSE MIB

    25.631,78
    +141,56 (+0,56%)
     
  • Dow Jones

    34.964,23
    +171,56 (+0,49%)
     
  • Nasdaq

    14.842,82
    +62,29 (+0,42%)
     
  • Nikkei 225

    27.728,12
    +144,04 (+0,52%)
     
  • Petrolio

    68,42
    +0,27 (+0,40%)
     
  • BTC-EUR

    32.464,55
    -662,17 (-2,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    966,07
    -9,82 (-1,01%)
     
  • Oro

    1.804,40
    -10,10 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,1848
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.416,97
    +14,31 (+0,33%)
     
  • HANG SENG

    26.204,69
    -221,86 (-0,84%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.158,66
    +13,76 (+0,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,8495
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0733
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4805
    -0,0041 (-0,27%)
     

Vino, Mediobanca-Sace: nel 2021 in recupero del 3,5% grazie a spinta export

·1 minuto per la lettura

Vino italiano in recupero del 3,5% nel 2021 (-4,1% nel 2020), grazie alla spinta dell’export nei principali mercati internazionali (consumi al +3,8% annuo nel 21-22). Migliore potenziale di crescita in Cina (+6,3% annuo), Canada e Giappone (+5,9% annuo). E' quanto emerge dal primo report congiunto sul settore vino & spirits italiano dell'Area Studi Mediobanca, l’Ufficio Studi di Sace e Ipsos, dedicato all’analisi dei mercati domestici e internazionali e allo studio delle dinamiche socio-culturali di consumo e presentato oggi. Per i due grandi importatori di vino italiano la crescita media annua è del 2% per gli Usa e del 3,1% per la Germania. In Svizzera i consumi di vino sono attesi stabili. Discorso a parte per il Regno Unito: crescita del 2,4% l’anno, ma prospettive complicate dagli sviluppi post Brexit.

Opportunità possono arrivare da mercati già noti al vino italiano: Canada e Giappone segnano un consumo atteso in forte crescita (+5,9% annuo per entrambi). Ma è la Cina a mostrare uno dei maggiori potenziali con un +6,3% annuo nel biennio 2021-22. Una curiosità: il Vietnam, mercato ancora molto piccolo, ma che annovera una rilevante crescita dei consumi (+9,6%), anche grazie agli accordi commerciali con l’UE che proteggono le indicazioni geografiche e riducono le tariffe e i dazi. Le esportazioni italiane di vini e spirits valgono il 30% delle nostre vendite di alimenti e bevande oltreconfine e ammontano a 7,8 miliardi di euro nel 2020.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli