Italia Markets open in 8 hrs 36 mins

Visco (Bankitalia): costruzione europea ferma, progressi fortemente necessari

Cam

Roma, 15 nov. (askanews) - La costruzione europea è a un punto morto, mentre sono fortemente necessari progressi nei settori chiave, in cui l'Unione è più brava a vietare le cose che a realizzarle. L'unione bancaria è incompleta e non senza difetti, le basi per l'unione di capitale stanno ancora venendo gettate e l'unione fiscale è stata rinviata a una data futura non specificata". Lo ha affermato il governatore Ignazio Visco nell'intervento tenuto in occasione del seminario congiunto Omfif- Banca d'Italia.

"L'Europa - sostiene Visco - dovrebbe cercare modi per sostenere e proteggere gli sforzi che gli Stati membri devono compiere per ridurre il loro debito. Ecco perché è necessaria una qualche forma di assicurazione sovranazionale, ad esempio attraverso la creazione di un Fondo Europeo di Rimborso del debito (FER) finanziato da risorse dedicate dei paesi partecipanti. Il meccanismo può essere progettato in modo da impedire trasferimenti sistematici attraverso i paesi riducendo al contempo il rischio di instabilità finanziaria per l'intera area".

"Se vogliamo veramente spezzare il nesso tra banche sovrane, dobbiamo ridurre il rischio incorporato nelle obbligazioni sovrane, non solo gli importi detenuti dalle banche. Se dovessimo introdurre requisiti prudenziali sulle esposizioni sovrane nell'Unione europea o nell'area dell'euro, dovremmo fornire ai mercati finanziari un "attivo privo di rischio" alternativo, come un Eurobond di qualche tipo. (segue)(Segue)